W.K. Kellogg lancia la nuova campagna con banco alimentare negli store Coop

Libero Quotidiano News

Condividi:

15 settembre 2020

(Milano, 15 settembre 2020) – Milano, 15 settembre 2020 – Benefici nutrizionali, solidarietà verso gli altri e gusto: sono questi i tre ingredienti principali che compongono «la ricetta della bontà» degli italiani. In altre parole: si tratta dei tre elementi principali che, in ordine di importanza, guidano le decisioni d’acquisto dei consumatori nel nostro Paese. A dirlo è la ricerca condotta da BVA Doxa per W.K. Kellogg, la gamma di cereali e snack della multinazionale Kellogg che porta il nome del fondatore e incarna appieno i valori di responsabilità sociale dell’azienda. Obiettivo dell’indagine: approfondire il concetto di «bontà» in tutti i suoi nuovi e possibili significati, nonché la percezione degli italiani nei confronti della responsabilità sociale in generale e in particolare in ambito food.
Nel dettaglio, la «ricetta della bontà» si compone di un mix di elementi che ognuno individua nel momento di dover fare una scelta d’acquisto di un prodotto per la prima colazione. Per il 35% degli intervistati da BVA Doxa per W.K. Kellogg, l’aspetto che più influisce è legato ai «benefici per la salute». Segue la «solidarietà verso gli altri» (25%) che si traduce ad esempio nel sostenere, attraverso il proprio acquisto, progetti di aziende messi a segno con l’obiettivo di supportare la società o tutelare l’ambiente. Da non tralasciare, eppure (a sorpresa!) meno importante, il «gusto» (22%). In ultima posizione, «il prezzo e la convenienza» ritenuti fondamentali dal 18% degli intervistati. In altre parole: buono, ma che faccia bene a me e anche agli altri.
Il concetto di «responsabilità sociale» è ormai conosciuto ai più: 9 intervistati su 10, infatti, hanno sentito parlare del tema. Eppure solo il 29% ne ha una conoscenza approfondita, soprattutto i giovani (38%). L’emergenza Covid-19 ha avuto un impatto importante sull’attenzione nei confronti della responsabilità sociale: 2 italiani su 3 dichiarano di essere oggi più sensibili al tema, soprattutto al Sud e nelle Isole (73%). E ancora: per il 95% degli italiani è importante sapere che i prodotti – alimentari e non – che acquistano provengono da aziende e brand attenti alla sostenibilità in generale.
Non solo. Otto italiani su 10 sarebbero «certamente» e «probabilmente» disposti a riconoscere un valore – ad esempio un piccolo sovrapprezzo – per comprare prodotti di brand impegnati in prima linea con iniziative e progetti ad hoc per supportare e tutelare gli altri.
Dalla ricerca di W.K. Kellogg, emerge anche un forte interesse da parte degli italiani nel conoscere e venire aggiornati sulle diverse attività di responsabilità sociale messe in campo dalle aziende. Per il 95% del totale è, infatti, importante che le iniziative vengano comunicate e il 91% è interessato a venirne a conoscenza. Soprattutto attraverso la promozione sulle confezioni (81%), in televisione (49%), sul sito dell’azienda (39%), tramite materiali nei punti vendita (37%) e sui social network (35%).
Ma se quasi tutti gli italiani sono d’accordo sull’importanza della responsabilità sociale, si dividono su un altro tema: l’ingrediente segreto della propria prima colazione. Ne individuano due: uno opposto all’altro. Il silenzio della casa vuota nelle prime ore del mattino da un lato (47%), per chi ama godersi la propria colazione in piena tranquillità. E la compagnia del proprio partner o dei propri figli dall’altro (38%), per quella metà degli italiani che ama socializzare già dalle prime ore del mattino.
Per far fronte al crescente interesse dei consumatori verso prodotti in grado di offrire benefici per la salute senza rinunciare al gusto e che manifestino un impegno concreto verso l’ambiente e la società, nel 2018 Kellogg ha lanciato la gamma W.K. Kellogg, una linea di snack e cereali per la prima colazione con specifiche caratteristiche nutrizionali e aspetti valoriali distintivi.
Obiettivo del brand: innescare un vero e proprio circolo virtuoso della bontà. Infatti, nel pieno spirito dei valori filantropici del fondatore di Kellogg, per ogni confezione di cereali e snack W.K. Kellogg venduta in tutto il mondo, l’azienda si impegna a devolvere fino a €0,10 cent a progetti che sostengono in maniera concreta persone e famiglie in difficoltà.
In continuità con i progetti realizzati negli anni passati, Kellogg ha avviato anche una campagna in partnership con Banco Alimentare negli store Coop in diverse regioni italiane che porterà alla donazione di 500.000 colazioni ai più bisognosi.
La gamma W.K. Kellogg, inoltre, continua a innovarsi sia in termini di prodotto che di posizionamento. Di recente, ha lanciato la nuova brand equity che riflette appieno gli aspetti valoriali del prodotto: «bontà a tutto tondo». In altre parole: W.K. Kellogg è buono, fa bene a te e fa del bene agli altri. Ed è da poco a scaffale anche una nuova e gustosa referenza: W.K Kellogg Proteine Vegetali Cioccolato Fondente e Cocco, un delizioso mix di cereali integrali soffiati con cioccolato fondente al 70% di cacao e scaglie di cocco. Per una granola gustosa e croccante, con proteine vegetali e ad alto contenuto di fibre.
«È interessante vedere come stia evolvendo il consumatore e come oggi non si accontenti più di essere informato ma voglia essere coinvolto. Per questo cerchiamo di sviluppare attività davvero immersive che offrano ai consumatori la possibilità di scoprire tutti i valori e le caratteristiche del brand per far emergere tutti quegli elementi che possono essere fondamentali per le decisioni di acquisto» commenta Elisa Tudino, Brand Activation Lead di Kellogg Italy. E prosegue: «crediamo che W. K. Kellogg rappresenti una sorta di concentrato di quello che cerca il consumatore oggi: un prodotto gustoso e con chiari benefici nutrizionali ma che, al di là di tutto, è concretamente impegnato ad aiutare chi ne ha più bisogno. L’azienda si è impegnata a fondo per lo sviluppo di questo brand e dei prodotti che ne compongono la gamma e siamo davvero orgogliosi di poter non solo soddisfare i consumatori ma anche aiutare tante persone in stato di necessità».
«Sappiamo di poter contare sul supporto di Kellogg e questa campagna ne è una dimostrazione» afferma Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus. «Si tratta di un’azienda con valori molto forti con cui da tempo si collabora in una logica di vera e propria partnership e il loro contributo è molto importante. È confortante peraltro rilevare come si stia formando una consapevolezza dell’importanza della solidarietà sempre più forte e diffusa, non solo tra le aziende ma anche tra i consumatori. Questo ci fa ben sperare per il futuro, perché purtroppo stiamo vivendo un periodo molto difficile e avremo bisogno dell’aiuto di tutti per stare vicino a chi è in difficoltà», conclude.
Per ulteriori informazioni: [email protected]
A proposito di Kellogg
In Kellogg Company (NYSE: K), ci impegniamo per produrre cibo di cui le persone si possano innamorare. E questo grazie ai nostri amati brand tra cui Kellogg’s®, Special K®, Pringles®, Kellogg’s Frosted Flakes®, Kellogg’s Corn Flakes®, Rice Krispies®, Extra®. Con vendite pari a 13,6 miliardi di dollari nel 2019, Kellogg è l’azienda leader mondiale nei cereali e il secondo più grande produttore di biscotti, cracker e snack salati. E non solo, siamo un’azienda con un cuore e un’anima, impegnata a creare 3 miliardi di Better Days – giorni migliori – entro il 2030 grazie a Kellogg’s® Better Days, la nostra piattaforma di responsabilità globale. Per saperne di più, puoi visitare il sito



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi