Zan e dintorni: beato il mondo che non ha bisogno di maschi bianchi cishet (come cos’è cishet? Cishet!)

Pubblicità
Pubblicità

Mettete in una stanza un leghista, un sovranista e un postfascista e fateli parlare di diritti civili: ne usciranno con una buona intesa di base, che in sostanza è che non se ne fa niente. Mettete in una stanza con lo stesso scopo un socialista, una femminista e un liberale di sinistra. Intanto fermi tutti. Una femminista chi? Una femminista di Arcilesbica cresciuta in via Pomponazzi, storica sede del movimento romano nei Settanta, o una femminista con residenza alt Tik tok, che indica la zona “alternativa” del social caro ai giovanissimi, quella dove si rivendica la militanza non binary, cioè non binaria, che rifiuta la dicotomia maschile-femminile (preparatevi, qui è pieno di sigle, acronimi e definizioni…

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€/mese per 3 mesi poi 5,99€/mese per 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50 €/settimanaprezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source