Zverev-Brooksby da record ad Acapulco: la partita finisce alle 4:54 del mattino

Pubblicità
Pubblicità

Alexander Zverev supera Jenson Brooksby nel primo turno dell’Atp 500 di Acapulco, in Messico. Una partita che resterà nella storia, non tanto per il successo del tedesco, quanto per l’orario finale della partita che è terminata alle 4:54 locali, un vero e proprio record considerando che il precedente primato apparteneva al match tra Hewitt e Baghdatis che all’Australian Open del 2008 finirono alle 4:34 di Melbourne.

Malagò: “Djokovic agli Internazionali? Sarebbe un messaggio sbagliatissimo”

Maratona messicana

Zverev, numero due del seeding e tre del mondo, ha sofferto più del previsto contro Brooksby, astro nascente del tennis americano che si è aggiudicato il primo set per 6-3. Partita che già era iniziata in un orario insolito, all’1:30 di notte locali, anche perché prima c’erano state già due gare lunghissime: Isner aveva battuto Verdasco 7-5, 6-7, 7-6 in 3h e 13′ e Kozlov aveva superato Dimitrov 7-6, 5-7, 6-3 in 3h e 21′. Tornano a Zverev-Brooksby, il tedesco ha conquistato un secondo set maratona duranto addirittura 111 minuti, vincendo il tie break per 12 punti a 10, annullando anche due match-point all’avversario. Nel terzo e decisivo set, Zverev ha poi chiuso 6-2 dopo una battaglia totale di 3h e 20, alle 4:54 orario messicano. Superato dunque di venti minuti il precedente record, quando l’australiano Leyton Hewitt superò in cinque lunghissimi set per 4-6, 7-5, 7-5, 6-7, 6-3 il cipriota Marcos Baghdatis alla Rod Laver Arena di Melbourne.

Djokovic batte Musetti in due set: a Dubai applausi per il serbo

In campo Sonego e Berrettini

Mentre Zverev e Brooksby (ed i tenaci spettatori rimasti fino all’alba ad assistere alla battaglia) potranno finalmente godersi il sonno, nel torneo messicano sono pronti a fare il loro esordio anche gli italiani Matteo Berrettini e Lorenzo Sonego, rispettivamente contro gli statunitensi Tommy Paul, 39 del mondo, e J.J. Wolf, n. 209 Atp, in gara con il ranking protetto e passato attraverso le qualificazioni dove ha battuto anche Andreas Seppi. Presenti nel torneo anche Nadal e Medvedev, mentre dopo il successo a Rio ha dato forfait Alcaraz.

Molchanov e Rublev, il doppio della pace fra Ucraina e Russia

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source