Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Da manager informatico a esodato a “barbone”. O come preferisce dire lui, “spiazzato”. Qui di seguito leggerete alcuni brani del diario inedito del sessantenne milanese Aldo Scaiano, un racconto vivido in prima persona su cosa significa, per chi è abituato a una vita e a una famiglia “normale”, ritrovarsi da un giorno all’altro da solo per strada senza un soldo. Nelle pagine del Manuale di sopravvivenza per esodati, scovato dal nostro collaboratore Antonio Armano, l’ansia di poter soddisfare le esigenze materiali, dal mangiare al dormire, si alterna alla scoperta di una nuova dimensione dove il fardello dei beni materiali si riduce – anche fisicamente – ai minimi termini e lascia spazio alle relazioni umane, a nuovi interessi, al volontariato, in cui ancora oggi Scaiano – raggiunta finalmente l’agognata età pensionabile post legge-Fornero – si impegna. Stralci più ampi del suo diario si possono leggere sul mensile Fq MillenniuM attualmente in edicola, insieme a inchieste e approfondimenti sulla “morte della borghesia” (video – il direttore Peter Gomez presenta il nuovo numero). Quanto al manoscritto integrale, è ancora in cerca di un editore.

Impresa nel torneo di Montecarlo Fabio Fognini. Il 31enne azzurro ha battuto l’undici volte campione del torneo Rafael Nadal, raggiungendo per la prima volta in carriera l’atto conclusivo in un torneo Masters 1000. Domani affronterà il tennista serbo Dusan Lajovic, autentica sorpresa del torneo. Un 6-4 6-2, quello del tennista ligure, che interrompe la striscia vincente di 18 partite consecutive di Rafael Nadal nel torneo monegasco. L’ultima sconfitta del maiorchino è datata 2015, quando fu Novak Djokovic, sempre in semifinale, a fermarlo.

Inter-Roma avanti piano:  1-1   Lazio-Chievo 1-2|Classifica E Parma-Milan finisce  1-1

La squadra di Ranieri passa in vantaggio al quarto d’ora e scavalca il Milan, il croato la riacciuffa al 61’ mettendo al sicuro il terzo posto (+5 sui rossoneri)

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

È rimasto basito quando ha visto il commento della maestra sul compito di matematica di suo figlio. Al punto da mettere in piedi una petizione per licenziare la donna.

La storia la racconta il Daily Mail, arriva dalla Pennsylvania ed è quella di Chris Piland e di suo figlio Kamdyn che, tornato a casa dopo un qualunque giorno di scuola, ha mostrato al padre un compito nel quale avrebbe dovuto svolgere 60 sottrazioni in pochi minuti.

Il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha chiamato poco fa al telefono i due operai licenziati dalla Fca che non riescono a percepire il reddito di cittadinanza: “Ho fissato – spiega all’Ansa – un appuntamento martedì pomeriggio con il direttore Inps dell’area metropolitana di Napoli. In virtù della loro situazione eccezionale attueremo una procedura straordinaria che consenta l’erogazione, superando la difficoltà tecnica esistente”. Tridico ha chiesto ai due, saliti stamane su un campanile, di interrompere la protesta.
I cinque operai – licenziati dalla Fca dopo aver esposto nell’ambito di una manifestazione un manichino impiccato riproducente le sembianze di Sergio Marchionne – sono stati condannati dalla Cassazione a risarcire una serie di spettanze percepite durante l’iter del giudizio. La loro situazione economica familiare, al netto di questo gravame, non avrebbe consentito l’erogazione del reddito di cittadinanza: “La sentenza della Cassazione incide sul loro bilancio – spiega il presidente dell’Inps – ma non rientra tra i documenti che un Caf può allegare alla richiesta. I cinque operai non si erano mai rivolti all’Inps, e attraverso il Caf non era possibile da un punto di vista tecnico affrontare il loro problema. Vista l’eccezionalità della situazione se ne occuperà direttamente l’Istituto, la cui mission è stare dalla parte dei cittadini: ho sentito il direttore dell’istituto dell’area metropolitana di Napoli, che riceverà martedì pomeriggio i cinque operai per far loro avviare la pratica nella quale inserire anche la sentenza della Cassazione”.

Conte venga in aula a spiegare lo stato della situazione relativa al sottosegretario Siri“. È quanto reso noto da Andrea Marcucci, presidente dei senatori del Partito democratico, che contestualmente ha annunciato la presentazione di una mozione di sfiducia nei confronti del governo gialloverde. “Il braccio di ferro tra Lega e Movimento 5 Stelle impone al presidente del Consiglio immediati chiarimenti anche sulla reale salute della coalizione” ha detto Marcucci, secondo cui “questo continuo braccio di ferro fra Lega e M5S fa ulteriori danni al Paese“. L’iniziativa dem arriva a tre giorni dalla notizia dell’iscrizione nel registro degli indagati del sottosegretario leghista Armando Siri, accusato di corruzione in un’inchiesta delle Procure di Roma e Palermo in cui è coinvolto (indagato) Paolo Arata. Quest’ultimo è considerato dagli inquirenti molto vicino non solo ad Armando Siri, ma anche a Vito Nicastri, imprenditore di Alcamo egemone nel campo dell’energia eolica nonché – secondo gli inquirenti – finanziatore della latitanza del boss di mafia Matteo Messina Denaro. Di ieri, inoltre, la notizia che Federico Arata, figlio di Paolo, è stato assunto dal sottosegretario leghista Giancarlo Giorgetti come suo consulente.

E’ partita la gara di solidarietà in favore di Enrico De Caprio, un giovane di origini napoletane che pochi giorni fa ha lanciato un appello attraverso facebook per trovare un donatore di midollo osseo. E’ stato lui stesso, che con la famiglia vive in Germania dal 2011, a spiegare nel post, diventato virale nel giro di poco tempo, la sua battaglia contro il male che l’ha colpito. Ecco il testo:
“Ciao Leggende, purtroppo devo affrontare il percorso che mi sono augurato di evitare da diversi mesi, devo affrontare un trapianto di midollo a seguito di una Leucemia che mi rompe il cazzo da Maggio scorso.
Come risaputo la cosa fondamentale affinché il trapianto abbia un buon seguito è la compatibilità con il donatore. Essendo italiano è meglio che lo sia anche il donatore per una questione di similarità del ceppo genetico.
Dramma a parte, lascio due link, uno per diventare donatore in Germania ed uno per diventarlo in Italia, per fortuna la banca dati è condivisa a livello Europeo.
DKMS: www.dkms.de
ADMO: www.admo.it
Non è un impresa facile trovare un donatore compatibile ma più siamo più aumentano le possibilità.
Ringrazio anticipatamente chi prenderà in considerazione questo appello, siete liberi di condividere anche voi questo messaggio.
Un abbraccio Leggende.

La Juventus vince l’ottavo scudetto consecutivo (e presto saranno 10)

È stato l’anno del trionfo di Ronaldo, unico a poter festeggiare in a dopo aver vinto Premier e Liga. E all’orizzonte non si intravedono avversari, solo forse una possibile Inter di Conte

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

“Il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, nei giorni scorsi ha pubblicato sulla sua pagina Facebook una Tabella attraverso la quale sostiene che Napoli riceve dallo Stato più risorse di Roma e Milano e, pertanto, ci si dovrebbe vivere come a Stoccolma. Purtroppo questa notizia è isolata da ogni contesto e favorisce valutazioni prive di fondamento”. Così in una nota il vicesindaco Enrico Panini, delegato al Bilancio. Panini ricorda quattro punti. Anzitutto: “Ogni cittadino napoletano riceve dallo Stato 751,67 euro. Lo stesso cittadino se abitasse a Milano ne riceverebbe 872,75 e a Roma 919,88. Questo differenza rappresenta una grande ingiustizia, ma a sfavore di Napoli”. Secondo punto: “Napoli dal 1 gennaio 2013 ha accesso al Piano di rientro per far fronte ai debiti lasciati dalle precedenti Amministrazioni, talmente rilevanti da indurre la Corte dei Conti a richiederne il dissesto. A fronte di pesanti rate annuali da restituire l’Amministrazione deve fare i conti con i seguenti tagli: Riduzione dei trasferimenti da fondo di solidarietà comunale (dal 2013 al 2018): -532.658.541,58; Riduzione dei trasferimenti (dal 2013 al 2018): -299.541.359,77 euro. E ci limitiamo alle riduzioni più significative”. Terza questione: “Roma e Milano hanno introiti per IMU e Tassa di soggiorno di gran lunga maggiori di Napoli”. Infine, “la ricchezza di un territorio si misura, in particolare, con la capacità fiscale dei residenti. Essa è di 828 euro per un cittadino milanese, di 777 per un romano e di sole 482 euro per un napoletano”. “Da questi pochi esempi si ricava che l’Amministrazione napoletana: ha complessivamente molto minori risorse delle due città (punti 2, 3, 4) perché la capacità economica (quindi il livello di benessere che si è in grado di garantire) è un dato complessivo; Napoli riceve, sul Fondo di solidarietà, di più dallo Stato per ‘compensare’ la differenza fra garanzia dei diritti di cittadinanza e ricchezza del territorio (punto 4). Insomma, signor presidente, Stoccolma – che Lei cita come riferimento – continua, purtroppo ad essere molto lontana da Napoli. Ma non ci arrendiamo”, conclude Panini.

Archivi