Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Il re di Spagna Juan Carlos è famoso per essere un gran playboy. Si dice abbia avuto centinaia di donne, nonostante sia sposato ormai da 50 anni con la regina Sofia. Tra le sue conquiste spiccherebbe anche l’indimenticata Lady Diana. Ora però ad attirare l’attenzione dei media, soprattutto spagnoli, è Corinne Larson, 46enne ed ex moglie del principe tedesco Casimir zu Sayn-Wittgenstein. Secondo alcune fonti, sarebbe lei la nuova amante di Juan Carlos. I due avrebbero una relazione da ormai 4 anni e l’ultimo incontro risalirebbe in Botswana. Il re sarebbe caduto dalle scale e ad assisterlo c’era niente di meno di che Corrine.

E’ entrato in aula con aria di sfida e il pugno alzato. la testimonianza di Anders Behring Breivik, il militante di estrema destra responsabile delle stragi di Oslo e Utoya costate la vita a 77 persone. La sua testimonianza è prevista da domani, martedì 17 aprile, ma oggi ha parlato davanti alla Corte. «Sono uno scrittore», ha detto presentandosi in aula. Liberato dalle manette, Breivik ha sorriso e poi salutato le famiglie delle vittime con il braccio teso ed il pugno serrato. Un saluto, spiega Breivik nel suo manifesto, che rappresenta «la forza, l’onore e la sfida ai tiranni marxisti d’Europa». «Non riconosco i tribunali norvegesi. Avete ricevuto il vostro mandato da partiti politici che sostengono il multiculturalismo», è stata la sua prima dichiarazione alla corte, davanti alla quale ha sottolineato di «riconoscere i fatti ma non mi riconosco colpevole» da un punto di vista penale.

Perizie contrastanti – Il tribunale è pieno di sopravvissuti alle stragi, dai familiari delle vittime, dai giornalisti, tanto che la diretta del procedimento viene trasmessa sui monitor a circuito chiuso e in altre 17 procure del Paese. «L’ultima volta che l’ho visto dal vivo stava sparando ai miei amici», ha detto Vegard Groeslie Wennesland, 28 anni, sopravvissuto alle stragi. La Corte deve sostanziamente decidere tra due perizie psichiatriche: la prima aveva stabilito che l’estremista di destra era incapace di intendere e volere, e se sarà confermata spalancherà le porte del manicomio criminale al killer. La seconda, presentata pochi giorni fa, non ha invece trovato prove di psicosi: in questo caso Breivik rischia la pena massima di 21 anni, che potrebbe essere prolungata indefinitamente in caso i giudici decidano che vi è la possibilità di una reiterazione del reato.

Tutti contro Elsa Fornero. Il ministro del Welfare ha tirato troppo la corda e ora anche Mario Monti cerca di contenerla. Al premier non è piaciuta la sua ultima esternazione: “O passa la riforma del lavoro o il governo va a casa”. Una frase a dir poco inopportuna per il premier soprattutto in un questa fase di tensioni politiche interne. Nessun ministro si è schierato con Fornero: da Passera (il ministro dello Svilupop economico ha affermato che la partita sull’articolo 18 poteva essere giocata diversamente) ad Andrea Riccardi che ha sostenuto di non essere in grado di dire quando il governo va a casa o no.

Combattiva Emma
– Monti non è soddisfatto di come il suo ministro ha gestito la riforma del lavoro: il braccio di ferro con i sindacati prima, poi la tensione con Confindustria che ha portato a una frattura nei rapporti con il presidente uscente della Confindustria, Emma Marcegaglia che ha scritto na lettera al Capo dello Stato Giorgio Napolitano  per spiegare le differenze tra l’accordo condiviso a Palazzo Chigi con le parti sociali (tranne la Cgil) e il testo successivo del disegno di legge. E il premier sta cercando di ricucire lo strappo con gli industriali.

 

Sulla morte di Piermario Morosini, il 26enne centrocampista del Livorno stroncato sabato sul campo del Pescara da un attacco cardiaco (ma si fa strada l’ipotesi di un aneurisma) i pm di Pescara apriranno un fascicolo contro ignoti per “omicidio colposo”. Ma l’auto dei vigili urbani parcheggiata davanti all’ingresso dello stadio, che ha causato l’ingresso sul campo di gioco in ritardo dell’ambulanza, “non ha avuto rilevanza”. In poche parole: non è stata decisiva per la morte dello sfortunato calciatore (orfano di madre e padre, con un fratello suicida e una sorella con handicap a carico), le cui condizioni sono apparse subito gravissime nonostante il soccorso immediato di medici e massaggiatori a bordo campo, che hanno tentato di rianimarlo con massaggi cardiacie e respirazioni artificiali. Morosini era giunto già senza vita all’ospedale di Pescara.

 

Dramma a Pescara: la tragedia in diretta su LiberoTv

 

Lo strazio della fidanzata – La consolazione sui ritardi nei soccorsi dell’ambulanza non decisivi non può diminuire lo strazio dei familiari di Piermario. La fidanzata del giovane calciatore, Anna Vavassori, domenica sera è stata chiamata al riconoscimento del cadavere. “Era bellissimo, sembrava dormisse – ha detto in lacrime -. Sono sicura che è andato via felice”. La madre della ragazza ha ricordato Piermario: “Non c’è rabbia, assolutamente. E’ capitato perché doveva capitare. Era una persona bella, umile. Il ricordo più bello? Il suo sorriso, nonostante ogni tanto avesse un velo di tristezza nei suoi occhi grandi. Non è stato difficile volergli bene da subito”.


Morosini, Anna e le foto su Twitter. Guarda il video su LiberoTv

Vigile sotto choc – Nonostante i pm abbiano escluso ogni responsabilità sulla morte di Morosini da parte del vigile che ha parcheggiato incautamente l’auto davanti allo stadio, l’agente stesso si è detto “preoccupatissimo e in stato di choc”, secondo quanto riferito dal comandante della Polizia municipale di Pescara, Carlo Maggitti. Il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia ha annunciato: “Avvieremo un procedimento per assumere dei provvedimenti equi ma inflessibili” nei confronti del vigile urbano. E dal Pescara Calcio fanno sapere che quella fatale di sabato non era la prima volta che un auto della polizia municipale veniva parcheggiata in divieto di sosta davanti all’ingresso dello stadio. E nel caso specifico, secondo indiscrezioni raccolte dall’Ansa, gli steward avrebbero chiesto al vigile di spostare l’auto, ma questi non si sarebbe curato più di tanto adducendo motivi di servizio.

 

 

Sono andato al cinema a vedere “Poker Generation”.

Tanti amici giocatori che interpretano loro stessi, una location che suscita in me bei ricordi e un Filippo Candio, il campione di poker a cui è vagamente ispirato il personaggio del protagonista, che a sorpresa risulta essere anche un discreto attore.

E poi? Poco altro purtroppo.

Non c’è il cast di “Regalo di Natale”, non c’è l’umorismo di “Asso”, non c’è la musica de “La stangata” e siamo lontanissimi dalla sceneggiatura di “Rounders”, ad oggi il miglior film sul poker.

Sale lo spread tra il btp e il bund tedesco. Il differenziale tra i due titoli segna 395 punti base col rendimento del decennale al 5,67%. Si allarga a 444 punti base la forbice tra i titoli spagnoli e tedeschi, mentre il tasso sui bonos sale al 6,15%.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

“Mi difenderò con le unghie e con i denti”. E’ il primo commmento del senatore Sergio De Gregorio (PdL) destinatario di un ordine di custodia cautelare. “Non essendomi mai sottratto all’autorità giudiziaria non capisco quale necessità ci sia di questa misura cautelare” aggiunge il parlamentare napoletano.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

“Domani tornerà in discussione in aula la mia proposta di legge sull’apertura tutto l’anno degli stabilimenti balneari della nostra regione. Mi auguro che prevalga il senso di responsabilità delle forze politiche”. Lo
dichiara il vicepresidente del consiglio della Regione Campania Biagio Iacolare. “La proposta, – prosegue l’esponente dell’Udc – già approvata in commissione Attività produttive, è utile a contrastare le difficoltà che attraversa il turismo in Campania. Allungare il periodo di apertura degli stabilimenti per l’intero anno solare ai titolari di regolari concessioni demaniali punta a offrire un servizio ai turisti e ai nostri cittadini e
quindi a incrementare le opportunità di lavoro. Sottolineo peraltro che non comporta alcun onere finanziario a carico del bilancio regionale”.

Una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari è firmata nei confronti del senatore Sergio De Gregorio nell’ambito dell’inchiesta sui finanziamenti all’Avanti condotta dalla Procura di Napoli e che coinvolge anche Valter Lavitola. Il provvedimento cautelare è trasmesso al Senato per l’autorizzazione all’esecuzione.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

In principio fu l’ordinanza. Vietato fare la questua ai semafori e nelle piazze cittadine. Vietato chiedere l’elemosina anche sul sagrato della chiesa. Firmato: il sindaco, partito Lega Nord. Qui Arona, incantevole cittadina del Lago Maggiore, provincia di Novara. Anche sul sagrato?, si chiesero increduli in molti. Ma con quale diritto si calpestava anche la più secolare scena di vita domenicale, il povero che chiede l’elemosina davanti alla chiesa? Era il novembre del 2010. Nacque così una delle più originali risposte date in Italia all’idea, tanto trendy al Nord, di fare scomparire povertà e bisogni con un colpo di scopa. Non proteste, non lamentazioni, che pure ci sono state. Ma un’impresa sociale, per esprimere con la forza delle cose un’altra idea dei rapporti tra una comunità e le sue componenti più bisognose. All’inizio si ritrovarono Caritas, Libera ed Emergency.

Archivi