Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Siglare un patto salva-imprese con 400 milioni di euro di risorse certe da mettere subito nel piatto per realizzare uno scudo finanziario in grado di proteggere il tessuto economico sano della Campania dall’urto della crisi. E’ la proposta rilanciata del governatore Stefano Caldoro nel corso del convegno nella sede del Banco di Napoli in via Toledo per la presentazione della ricerca realizzata da Srm (studi e ricerche per il Mezzogiorno) dedicato al Sud che innova e produce. I settori automotive e aeronautico. “Faccio una proposta salva-impresa – dice Caldoro – siamo in grado di calcolare quante risorse possiamo far circolare e siamo disposti a firmare tutte le carte necessarie per garantire le imprese che vantano crediti nei nostri confronti. Metteremo a disposizione 400 mln di euro per il 2012, altri ancora nel 2013. Soldi reali che verranno erogati senza intoppi burocratici. Le banche devono aiutarci e dare fiato alle Pmi che vanbtano crediti nei nostri confronti. Perché se perdiamo le imprese che non fanno debiti ma che hanno crediti chi ci troveremo domani come interlocutori”? “Soffriamo costi aggiuntivi fiscali dovuti a scelte politiche del passato – aggiunge Caldoro – ma abbiamo risorse industriali solide. Per questo abbiamo deciso di investire sulla logistica, in modo da potenziare la competitività del territorio”. Tra le misure indicate dal governatore per favorire gli investimenti in Regione ci sono, infine l’adozione dei fondi europei per l’attuazione di strumenti di fiscalità di vantaggio e lo sblocco immediato dei debiti commerciali delle pubbliche amministrazioni. “La politica ha il dovere di fare delle scelte, come quelle di sostenere una politica industriale a livello regionale. Ovviamente si tratta anche di indirizzi di competenza del Governo centrale, ma abbiamo scelto di andare in controtendenza e di aiutare il manifatturiero. Insieme a parti del sindacato abbiamo posto le premesse per dar vita al piú avanzato stabilimento industriale al mondo: Pomigliano. Cosí come stiamo lavorando per risolvere il caso Fincantieri. Sappiano che i numeri ci danno ragione: ovvero che siamo terzi nel Paese sull’Aerospazio, secondi nell’automotive, per un totale di piú di 10 mila addetti e un valore aggiunto nella ricerca. La ricerca Srm che viene presentata oggi conferma quelle scelte,: la Campania dell’Industria c’é ed é forte.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi