Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

L’idea nuova di Berlusconi ed Alfano è il presidenzialismo. Dicono che lo spunto l’hanno avuto guardando cosa stava accadendo in Francia e in Grecia. Ad Atene un panorama politico polverizzato in una decina di partiti entrati in parlamento rifiutandosi di allearsi con le altre forze politiche. A Parigi François Hollande che vince le presidenziali, in pochi giorni indica il nuovo primo ministro e poi vola nel giro di una settimana a discutere d’Europa con Angela Merkel e del mondo con Barack Obama. Da qui Silvio Berlusconi e Angelino Alfano prendono il pretesto per una profonda riforma istituzionale che, spiega il segretario politico del Popolo delle Libertà, bisogna fare “ora o mai più”. 

C’è “il desiderio di approfondire quello che da 30 anni si è portato sui tavoli della riforma costituzionale e cioè la possibilità che i cittadini a decidere il presidente della Repubblica” ha dichiarato l’ex presidente del Consiglio. ”Abbiamo deciso di compiere il gesto ardito di presentare al Paese, alla maggioranza e all’opposizione una possibilità di modernizzazione del Paese – ha aggiunto – dando la possibilità di incidere direttamente attraverso elezioni primarie sulla scelta del presidente”. Accanto alle primarie, per Berlusconi si tratta di permettere ai cittadini di fare “scelte sui contenuti del programma e di portare il Paese fuori dalle secche della impossibilità di governare con efficacia una situazione di grande difficoltà e profonda crisi”. Il Cavaliere sottolinea l’urgenza di una riforma in senso presidenziale: “Non ci sono tempi in più. Qualcuno ha detto che basta un minuto per prendere una decisione una volta che la decisione sia positiva”.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi