Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

La Corte Costituzionale tedesca ha detto sì all’Esm, il fondo salvati. I giudici hanno posto alcuni condizioni. La Consulta di Karlsruhe era stata chiamata a decide se il nuovo fondo salva Stati da 500 miliardi, l’Esm (Meccanismo europeo di stabilità), e il trattato che impone il rigore contabile (fiscal compact ideato proprio a Berlino) sono compatibili con la Costituzione tedesca.  Per i magistrati la condizione principale è che il contributo della Germania sia limitato. Inoltre la sentenza stabilisce che i due rami del Parlamento tedesco siano informati delle decisioni dell’Esm e fa sapere che l’esposizione della Germania al fondo salva-stati non deve superare appunto la quota di 190 miliardi di euro senza il via libera del Bundestag, la Camera Bassa.

Cuore del ricorso l’opposizione a che i risparmi dei contribuenti, governati dalla cancelliera Angela Merkel, venissero impegnati a livello europeo a favore di paesi in gravi difficoltà come Spagna, Grecia e come Italia. Tra i firmatari c’è anche Markus C. Kerber, economista della Technische Universität di Berlino, che al fattoquotidiano ha spiegato di augurarsi che gli spread possano fare giustizia, punendo i peccatori, costringendoli a ravvedersi, e premiando i virtuosi come la Germania. 

I riflessi del verdetto si sono immediatamente riverberati sui mercati. Le borse europee virano in territorio positivo. Londra sale dello 0,2%. A Milano l’indice il Ftse Mib segna un +0,82%, Francoforte cresce dello 0,86%, Parigi dello 0,54% e Madrid guadagna l’1%. L’euro sale al nuovo massimo da 4 mesi a 1,29 dollari. Lo spread stabile a 342 punti rispetto a ieri. 

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi