Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Piazza Affari (Ftse Mib più 2,92 per cento) ha catalizzato assieme a Madrid (più 3,91 per cento) l’ottimismo degli investitori internazionali dopo l’asta dei Bot semestrali, i dati sul Pil trimestrale Usa e sulla fiducia dei consumatori misurata dall’Università del Michighan, entrambi migliori delle attese. L’indice ha così ridotto al meno 9,86 percento il calo da inizio anno e ha superato con successo lo scossone dato alle borse a metà giornata dalla Bundesbank, che si è detta contraria all’acquisto di Bond da parte della Bce e al conferimento della licenza licenza bancaria al fondo salva-stati Esm. Vivaci gli scambi, per oltre 1,9 miliardi di euro di controvalore, con occhi puntati sull’intero listino, da Eni a Unicredit, insieme con Pirelli e Fiat.

Sprint Eni
Volata di Eni (più 9,05 per cento), favorita dalle attese sul dividendo che potrebbe salire, secondo gli analisti citati dall’agenzia Bloomberg, dell’1,9 per cento a 0,53 euro.
Più caute Enel (più 2,94 per cento) e Saipem (più 2,25 per cento).

Banche su scudi
Ancora rialzi in campo bancario, da Bper (più 6,25 per cento) a Mediolanum (più 5,28), con Unicredit in crescita del 4,64 e Intesa Sanpaolo del 2,11 per cento. In luce Mediobanca (più 4,93 per cento) e Generali (più 3,75 per cento).

Pirelli e Fiat in volata
Occhi puntati su Pirelli (più 4,95 per cento), all’indomani dei conti semestrali diffusi a borsa chiusa.
Gli acquisti hanno premiato anche Fiat (più 4,34 per cento) e Piaggio (più 4,85 per cento), dopo i risultati del primo semestre in sostanziale tenuta.

Chi sale e chi scende
Piatta Ti Media (più 0,21 per cento), che ha visto raddoppiare la perdita semestrale, mentre sia Unipol (meno 10,74 per cento) sia Fonsai (meno 58,82 per cento), congelata anche per eccesso di ribasso, sono scivolate assieme a Premafin (meno 2,53 per cento).
Più cauta invece Milano Assicurazioni (meno 0,37 per cento). Ancora acquisti su Pininfarina (più 4,95 per cento), dopo il balzo della vigilia.

Spread a 455 punti
Chiude a 455 punti base il differenziale di rendimento tra Btp decennali e bund tedeschi, sui minimi da inizio luglio. Il rendimento dei Btp è al 5,95 per cento. La Spagna chiude con uno spread di 526 centesimi

G. S.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi