Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Nell’allarme a scoppio ritardato sul caso Telecom, la Consob pensa a una modifica della legge sull’Offerta pubblica di acquisto dopo il polverone sollevato dall’ingresso di Telefonica, proprio ora che le banche stanno uscendo. Il presidente dell’Authority, Giuseppe Vegas, ha ricordato che “non c’è, allo stato attuale e con la normativa vigente, un obbligo di Opa per Telefonica su Telecom”. E ha annunciato che ”una modifica dell’attuale legislazione è possibile a patto che venga realizzata nell’anno in corso”, chiarendo che “solo dal 1 gennaio 2014 Telefonica avrà il diritto di voto in Telco e quindi il controllo di diritto della società”.

Vegas ha poi spiegato che la Consob sta compiendo verifiche sul prezzo delle azioni Telco pagate da Telefonica ai soci italiani che sono “quasi il doppio rispetto a quelle di Telecom” (1,09 euro è il prezzo pagato dagli spagnoli). “Questo razionalmente presuppone che sia stato pagato il controllo di fatto“, ha detto nel corso di una audizione in Senato sul caso. Ma ha anche aggiunto come “ognuno è libero di pagare il prezzo che vuole” e che allo stato attuale questo non permette all’Autorità di intervenire. Resta quindi attuale la discussione sugli incassi di GeneraliIntesa e Mediobanca, che sono riuscite a farsi pagare le azioni oltre 1 euro (+85% rispetto ai prezzi di Borsa), mentre fino a lunedì avevano all’orizzonte un’uscita ingloriosissima da Telco con le azioni ai prezzi di mercato (un quinto dell’investimento iniziale).

“Solo quando i poteri di governance di Telefonica su Telecom saranno effettivi la Consob potrà fare delle verifiche sul riassetto”, ha spiegato Vegas, perché “al momento non abbiamo strumenti per intervenire”. Il numero uno dell’autorità di controllo sulla Borsa ha spiegato che l’obbligo di Opa nel caso Telecom-Telefonica non c’è “in quanto mancano le due condizioni che l’operazione comporti l’acquisizione del controllo di Telco da parte di Telefonica e che Telco (la holding che controlla il 22,4% del gruppo telefonico italiano, ndr) detenga più del 30% di Telecom”.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi