Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Fine secondo quarto di gara-3 dei quarti di finale dei playoff di Serie A tra Alma Trieste e Vanoli Cremona, i giocatori stanno rientrando negli spogliatoi quando uno spettatore si alza dal suo sediolino e rivolge il dito medio a un cestista avversario. Scene già viste, sui campi di ogni sport. Se non fosse che l’autore del gestaccio è il sindaco della città giuliana, Roberto Dipiazza, che guida l’amministrazione a capo di una giunta di centrodestra. La “vittima”, invece, è il pivot della squadra lombarda, Mangok Mathiang

La vicenda è stata raccontata dai due quotidiani locali, La Provincia e Il Piccolo. Anche perché da parte della Vanoli sono arrivate vibranti proteste. “Il pubblico di Trieste si è sempre dimostrato molto sportivo, ma nel primo tempo ho visto un gesto che proprio non è mi è piaciuto – ha raccontato il vicepresidente cremonese, Davide Borsatti – Parlo del sindaco Roberto Dipiazza che si è alzato dalla prima fila andando fino a bordo campo per mostrare il dito medio al nostro Mathiang. Un gesto brutto, che proprio non ci si deve aspettare da un primo cittadino”.

Mentre il primo cittadino di Trieste tace dopo il dito medio rivolto al giocatore, fuggito dal Sud Sudan a 5 anni con la madre e i fratelli e accolto prima in Egitto e poi in Australia, è la Pallacanestro Trieste a scusarsi con il cestista e il club: “Le ho già fatte al giocatore e alla società – ha detto il presidente Gianluca Mauro a Il Piccolo – ma ci tengo a farle anche pubblicamente perché non vogliamo che da questa città parta un messaggio sbagliato. È stato un gesto impulsivo, sicuramente sbagliato, detto questo la chiudiamo qua”.

L’articolo Basket, sindaco di Trieste fa il dito medio al giocatore sudanese di Cremona. Il club si scusa: “Messaggio sbagliato” proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi