Aic e Aiac, preoccupazione per calciatori e staff Reggina

Pubblicità
Pubblicità

“I calciatori e lo staff tecnico, inclusi i preparatori atletici, della Reggina 1914 esprimono la loro forte preoccupazione per la situazione della società, ribadendo l’astensione dalle prestazioni lavorative dei lavoratori coinvolti”. Si apre così una nota diffusa dall’Associazione italiana calciatori (Aic) e dall’Associazione italiana allenatori di calcio (Aiac), in cui si ricorda che il club, dallo scorso giugno e fino ad oggi, ha omesso di corrispondere le retribuzioni fisse e variabili e le indennità contrattuali, “un caso isolato nell’ambito di tutte le serie professionistiche”.    Inoltre, nella nota si ricorda che mentre l’intero staff tecnico non è stato regolarmente tesserato e, pertanto risulta formalmente esonerato, e mentre i campi da gioco in uso risultano inadeguati, la società ha convocato per gli allenamenti gli atleti e lo staff tecnico anche se, si sottolinea, versa “in una situazione tale da non poter onorare le proprie obbligazioni fondamentali e, in primis, il rispetto del diritto fondamentale alla salute dei suoi lavoratori, senza che sia stata ancora neppure sanata la morosità retributiva”.    Aic e Aiac, riservandosi ogni più opportuna iniziativa necessaria alla tutela dei diritti dei propri associati, “proclamano la formale astensione lavorativa degli stessi a far data dalla giornata odierna e fintanto che non venga revocato l’esonero dello staff tecnico, con regolare tesseramento dello stesso e non vengano sanate le circostanze sopra segnalate”.      
Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source