Alonso: “Nel 2022 posso vincere il titolo. Poi voglio Dakar e Indianapolis”

Sport
Pubblicità
Pubblicità

Il pilota asturiano, neo acquisto di Alpine, si racconta ai microfoni di Cadena Ser fissando i suoi obiettivi in vista delle prossime stagioni. E rivela un sogno particolare: “Sarebbe bello un podio con Sainz”

Fernando Alonso ci riprova. Il pilota spagnolo è pronto a tentare l’assalto al trono di Lewis Hamilton e della Mercedes per riconquistare quello scettro che gli manca dal 2006. Sarebbe la conclusione perfetta per una carriera da film in F1. E dopo il documentario “Fernando” uscito recentemente, una sua ricomparsa da vincente diventerebbe l’ispirazione per un capolavoro degno di altri ritorni, come quello dello Jedi in “Star Wars” o del Re ne “Il Signore degli anelli”.

AMBIZIONE
—  
Il nuovo acquisto della Alpine Renault ha raccontato nella trasmissione “El Larguero”, in onda su Cadena Ser, le sue impressioni sulla sua seconda vita in F1: “Non mi pongo alcun obiettivo in termini di risultati per la prossima stagione. Mi piacerebbe salire sul podio. Nel 2020 sembrava che ci fossero più possibilità per tutte le squadre, ma molti di quei risultati sono arrivati grazie alle catastrofi della Mercedes. La macchina è comunque più competitiva di quanto sembri. Certamente finire nei primi tre sarebbe fantastico, così come sarebbe un sogno riassaporare lo champagne insieme a Carlos Sainz. Per riuscirci servirebbe una gara pazza… Ma in 23 GP ci potrebbero essere almeno cinque occasioni”.

PROGETTI
—  
Se da una parte Alonso freme per il ritorno in pista nella prossima stagione, dall’altra, l’attenzione non può che essere rivolta al 2022. Un anno cruciale perché i nuovi regolamenti potrebbero ridisegnare le gerarchie tra i top team: “Nel 2021 continuerà il dominio della Mercedes e per noi sarà un’occasione per integrarsi e conoscersi. La massima ambizione potrebbe essere il podio. Nel 2022, però, sogno di vincere e di essere ancora al top”. Ma la F1 non è il solo obiettivo nella carriera di Alonso: “La 500 Miglia di Indianapolis e la Dakar sono ancora sogni nel cassetto. Li ho accantonati per ora, ma in futuro vorrei vincerle”. L’appuntamento con la storia sembra dunque solo rimandato.

29 dicembre – 12:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA



Go to Source