Atalanta

Pubblicità
Pubblicità

Il sesto anno di Gasperini ha portato terzo posto, ottavi di Champions, finale di Coppa Italia. Il gioiello bergamasco ha bisogno di pochi ritocchi, ma la società ha incassato 32 milioni per Barrow, Ibanez, Cornelius e Gollini, poi più di 50 per Romero, il pezzo pregiato da sacrificare per un bilancio sempre piu’ invidiabile. Al suo posto e’ arrivato Demiral con una formula favorevole, prestito biennale con diritto di riscatto per 25 mln. In aggiunta, per sostituire Caldara, ha preso il baby Lovato per 11 mln, che potrebbe essere il prossimo affarone della Dea.
L’affare Lukaku al Chelsea ha poi scombussolato i piani dell’Atalanta che chiede pero’ oltre 40 milioni per far partire Zapata. Ferma restando la presenza del panchinaro di lusso Muriel, se va via Zapata puo’ prendere corpo l’arrivo dal Chelsea di Abraham, talento chiuso nella rosa super dei vincitore della Champions. Un altro acquisto importante riguarda la porta: e’ arrivato l’argentino Musso, dopo alcuni campionati d’eccellenza e Gollini e’ finito al Tottenham. C’e’ poi la questione Ilicic, che Gasp considera al capolinea e dovrebbe finire al Milan per 5 mln, poi la societa’ potra’ dare l’assalto a Boga che il Sassuolo valuta 40.
Per le rotazione di esterno basso serve un quarto elemento, che potrebbe essere Frabotta, in un’operazione stile Spinazzola. L’ultimo anello mancante e’ un mediano per far rifiatare De Roon e Freuler. Il prescelto sarebbe l’olandese Koopmeiners su cui pero’ il club ha mostrato qualche titubanza per la spesa da sostenere, ma ora coi soldi di Romero si puo’ fare. La Dea e’ pronta per il grande salto, l’ossatura della squadra e’ al massimo delle sue potenzialita’. L’ambizione scudetto c’e’ ed e’ forte, ma i tifosi capiscono pure che e’ l’anno decisivo: ora o, probabilmente, mai piu’.
Formazione (3-4-1-2): MUSSO, Toloi, DEMIRAL, Djimsiti, Maehle, De Roon, Freuler, Gosens, Pessina, Malinovskyi, Zapata. Allenatore: Gasperini.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source