55ddf9ec2708920b8b88b8cd297a3505

Atalanta: partnership con Brembo per altre due stagioni

Calcio Sport
Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 22 APR – L’Atalanta e Brembo hanno annunciato il prolungamento della partnership: Brembo si conferma Top Sponsor del Settore Giovanile anche per le stagioni sportive 2021-2022 e 2022-2023. Grazie a questa collaborazione viene inoltre confermato il “Premio Brembo” che sarà annualmente assegnato ai giovani calciatori più meritevoli del vivaio. I criteri di assegnazione, tra gli altri, terranno conto in particolar modo dei meriti scolastici e comportamentali dei ragazzi.    “Sono orgogliosa di poter essere oggi a Zingonia per ufficializzare il rinnovo della collaborazione con il Settore Giovanile di Atalanta – ha detto Cristina Bombassei Direttore Corporate Social Responsibility – del Gruppo Brembo -. Brembo si è avvicinata al vivaio nerazzurro già da qualche anno perché crediamo fortemente nell’importanza sociale dello sport professionale e agonistico per la formazione dei nostri giovani.    Atalanta è un’eccellenza del territorio bergamasco, in grado di gestire al meglio la crescita e l’educazione dei propri talenti, molti dei quali diventati oggi giocatori affermati della prima squadra e di altri Top Team europei.    Brembo e Atalanta rappresentano due solide ed eccellenti realtà bergamasche, che in modi e settori diversi, si affiancano in un comune “terreno di gioco” per promuovere valori condivisi ad entrambi come lo spirito di squadra, la lealtà, il sacrificio, la formazione, il gusto per le sfide e il supporto al talento.    L’ad dell’ Atalanta Luca Percassi ha commentato “È un grande piacere poter annunciare il rinnovo di questa partnership con Brembo legata al nostro Settore Giovanile del quale siamo particolarmente orgogliosi. Una collaborazione che si basa sulla condivisione di importanti valori quali la formazione, la crescita e lo sviluppo. Tutto questo non può che continuare a creare una reciproca importante crescita anche in favore dei nostri ragazzi”. (ANSA).   



Go to Source