Audi A3, performance digitali al top

Formula 1 Sport

Tra i punti di forza della quarta generazione di Audi A3 c’è sicuramente quello legato alla connettività e alla tecnologia. Il lavoro che gli ingegneri della casa automobilistica dei quattro anelli hanno svolto sotto l’aspetto della digitalizzazione ha portato a risultati rilevanti sotto diversi punti di vista. La nuova Audi A3, già ordinabile nelle configurazioni di carrozzeria Sportback e Sedan, raggiungerà le concessionarie italiane a partire dalla fine di questo mese.

Audi A3, dalle origini a oggi

Il primo elemento che salta all’occhio in tema di digitalizzazione è rappresentato dai proiettori a LED Audi Matrix, integrano per la prima volta le luci diurne con un’innovativa matrice luminosa composta da 15 diodi in formato 5 x 3 che consente di generare un motivo specifico in funzione delle versioni. Integrano anche una telecamera che se rileva altri utenti della strada realizza specifiche aree d’ombra all’interno del cono di luce che evitano l’abbagliamento dei conducenti. Gli aggiornamenti high-tech proseguono poi all’interno dell’abitacolo: presente un display MMI touch con feedback acustico, uno schermo ad alta risoluzione da 10,1″ di serie che permette di gestire il sistema di infotainment e alcune funzioni comfort. A vantaggio del conducente c’è anche il sistema di riconoscimento vocale, che lo aiuta a cercare le informazioni desiderate senza mai staccare le mani dal volante.

Audi lancia il progetto “Artemis”

Ed è proprio il sistema di riconoscimento vocale a rappresentare un surplus: se il cliente ordina il pacchetto Audi Connect navigazione & infotainment plus, il comando vocale risponde alle domande non solo sulla base delle informazioni presenti a bordo, ma anche sfruttando le conoscenze presenti nel cloud. Sotto l’aspetto della strumentazione spicca invece il display da 10,25″. In tema di navigazione a rubare la scena è il sistema MMI plus con MMI touch, che riconosce le preferenze del conducente sulla base dei tragitti effettuati. Non mancano i servizi Car-To-X, con i quali Audi A3 contribuisce all’intelligenza collettiva della flotta Audi per la sicurezza agevolando il parcheggio e la mobilità. L’auto è compatibile sia con Apple Car Play che con Android Auto, mentre dalla seconda metà del 2020 sarà disponibile anche l’assistente vocale Amazon Alexa.

Go to Source

Commenti l'articolo