Audi sarà “carbon free” entro il 2050

Formula 1 Sport

Utilizzare energia e produrre automobili “carbon-free”, senza emissioni di carbonio, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, entro il 2050: è l’ambizioso obiettivo di Audi, che presenterà le iniziative e le innovazioni alla base della decarbonizzazione al Greentech Festival che andrà in scena sia in presenza sia da remoto a Berlino.

Audi, 10 e-tron in Cina per rivoluzionare la mobilità

La “due giorni” berlinese si articolerà attraverso un programma di conferenze e incontri di approfondimento trasmessi anche online, con la possibilità per il pubblico di partecipare attivamente. Domani, a indicare la strada intrapresa da Audi per contribuire a raggiungere l’obiettivo di un’industria dell’auto più sostenibile sarà Henrik Wenders, vice presidente di Audi e responsabile della strategia del marchio e delle relazioni con i clienti, che dividerà il palco con i rappresentanti del Boston Consulting Group e i colleghi di Hyundai Motor Europe. Nella serata di venerdì 18 settembre, invece, Audi assegnerà il “Lifetime Achievement Award”, un riconoscimento che premia le migliori le idee e le innovazioni più all’avanguardia nella lotta ai cambiamenti climatici. Al Greentech Festival di Berlino Audi svelerà anche il concept della Q4 Sportback e-tron, che anticipa il secondo modello elettrico compatto Audi sviluppato sulla base della piattaforma modulare elettrica MEB del Gruppo Volkswagen.

Audi Q4 e-tron, prime foto spia della variante Sportback

Dopo l’avvio di una progressiva elettrificazione della gamma – Audi ha già a listino sei auto 100% elettriche -, il passo successivo consisterà nel rendere più sostenibili i processi produttivi. La produzione di batterie ad alta tensione, in particolare, richiede un elevato impiego d’energia. Dal 2108 la casa di Ingolsdadt ha coinvolto l’intera filiera dei fornitori per ridurre le emissioni di CO2 legate ai processi industriali, ottenendo una diminuzione di 1,2 tonnellate di anidride carbonica per ciascuna vettura realizzata. Entro il 2025 Audi intende implementare i processi di riciclo dei materiali plastici e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile. Visto l’altissimo costo energetico dell’alluminio, un materiale molto usato in Audi, la casa tedesca sta valutando la possibilità di ricorrere maggiormente a componenti in alluminio riciclato. Per raggiungere una mobilità totalmente sostenibile e un bilancio “carbon neutral” di tutte le attività entro il 2050, Audi si sta concentrando anche sulle proprie fabbriche. A partire da quella di Bruxelles, dove dal 2018 viene realizzata la e-tron. Lo stabilimento belga è il primo sito industriale al mondo con certificazione “carbon neutral” nel segmento Premium. La fabbrica utilizza energie rinnovabili al 95%, risparmiando circa 40.000 tonnellate di CO2 all’anno.



Go to Source

Commenti l'articolo