Auto Union Type C, dalla rarità ai Lego

Formula 1 Sport

Nel 1936 Ferdinand Porsche creò una straordinaria vettura da corsa, l’Auto Union Tipo C, che in quell’anno vinse il campionato europeo con tre vittorie di Bernd Rosemeyer (al Nurburgring, a Bremgarten e a Monza). Il team Auto Union, supportato dal regime nazista, aveva messo in campo un’auto con il motore posto in posizione centrale posteriore. Soluzione ardita e costosa che però diede risultati straordinari. I soldi ottenuti da Porsche dopo un colloquio con Adolf Hitler diedero la spinta definitiva ad Auto Union per aumentare di molto le capacità velocistiche dei primi modelli.

La soluzione di Porsche migliorava la distribuzione dei pesi sui due assali, l’inserimento in curva e la motricità delle ruote posteriori; il motore 16 cilindri a V di 45°, con cilindrata di 6.006 cm³, sviluppava 520 CV a un regime di 5.000 giri al minuto. Notevole, senza dubbio. Dopo il conflitto mondiale l’occupazione sovietica degli impianti di Zwickau portò allo smantellamento delle auto da corsa (salvo che in un paio di casi), che evidentemente non furono ritenute importanti da meritare un’opera di conservazione. Molte furono smontate da ingegneri dell’Unione Sovietica, mentre altre erano già parzialmente state profanate a caccia di pezzi di ricambio dagli stessi ingegneri Auto Union, ancora prima del conflitto. Il risultato è che oggi le vecchie Auto Union Tipo C sono sostanzialmente tutte perdute.

A riprovare un recupero, seppur in forma di gioco, è l’utente di Lego Ideas redera00. Con i mattoncini ha creato una replica della Tipo C, nella sua configurazione da corsa in salita con ruote posteriori gemellate per limitare le sbandate all’uscita dai tornanti. “Sono sempre stato affascinato da questa automobile, che mescolava una carrozzeria aerodinamica a un motore potente, come un aeroplano senza ali“, ha scritto questo artista del mattoncino nella descrizione. Il modello, in scala 1:8, è lungo 50 cm e tutti i pannelli della carrozzeria sono rimovibili per osservare i componenti tecnici del motore. Sul sito Lego Ideas il modellino ha ottenuto quasi 9000 sostenitori, un numero molto alto che è vicino a un importante traguardo.
Se infatti entro la metà del gennaio 2021 l’Auto Union formato Lego supererà i 10 mila sostenitori, l’azienda danese prenderà in consegna l’idea, con tanto di foto e istruzioni passo passo, e rimetterà il tutto in mano ai ‘creators’ più esperti. Una volta approvato il progetto di base, Lego potrebbe dare il premio finale portando la creazione sugli scaffali del negozio come un vero e proprio set. Di Typ C vere sono rimaste un esemplare custodito al Deutsches Museum di Monaco di Baviera, e un ulteriore modello C/D per le salite (che è a Ingolstadt, sede di Audi). Dunque acquistare un’Auto Union da collezione, seppur di Lego, non sarebbe affatto male.



Go to Source

Commenti l'articolo