Autostrade, prende quota ipotesi revoca concessioni

Formula 1 Sport

[Rassegna stampa] Revoca concessioni ad Aspi, sì o no? Se fino a qualche settimana fa la risposta sembrava scontata (la seconda ovviamente), in questi ultimi giorni stiamo invece assistendo ad un ribaltone che ha portato il governo a spingere verso la revoca. Il governo avrebbe infatti lanciato un ultimatum ad Atlantia, chiedendo che la famiglia Benetton non abbia più la maggioranza della holding. Altrimenti la revoca delle concessioni sarà inevitabile.

Proposta Autostrade, offerta ancora non sufficiente

Ancora 24 ore prima della decisione sul destino di Autostrade. Il governo sarebbe orientato a procedere alla revoca della concessione domani in Consiglio dei ministri. Perché la precondizione per evitarla — posta dal premier Conte, supportata dai Cinque Stelle — non verrebbe soddisfatta: cioè la totale estromissione di Atlantia dalla controllata Autostrade attraverso la vendita ad investitori pubblici e privati dell’88% che la capogruppo detiene nella società concessionaria. Il presidente di Edizione, Gianni Mion, che ha condotto questa partita in prima persona con il fidato di famiglia Benetton, Carlo Bertazzo, poi scelto alla guida di Atlantia, dichiara di «non essere molto ottimista» pur in presenza di «un’offerta seria frutto di un grande sforzo anche professionale» del gruppo. Un’offerta da 3,4 miliardi comprensiva di risarcimenti, investimenti maggiori in manutenzione e taglio alle tariffe che andava incontro alle richieste del governo. La holding controllata al 30% dai Benetton sarebbe disponibile a scendere fino al 37% di Autostrade tramite cessione di quota o, in alternativa, come operazione di ricapitalizzazione da almeno 4 miliardi che porterebbe a quell’effetto diluitivo. Ma l’esecutivo vuole evitare che i Benetton possano giovarsi sul lungo termine di utili e dividendi in un orizzonte di concessione di 18 anni. Così appare probabile un decreto legge di revoca che dovrebbe essere convertito in Parlamento in 60 giorni. […]
Marco Galluzzo e Fabio Savelli Polizzi, L. Salvia, Il Corriere della Sera



Go to Source

Commenti l'articolo