Bayern Monaco: protesta anti Qatar, caos all’assemblea

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – BERLINO, 26 NOV – Il dibattito sullo sportswashing si fa largo nella Bundesliga. Si è detto sconvolto dall’interruzione dell’assemblea generale del Bayern Monaco il presidente onorario del club, Uli Hoeness, dopo la protesta contro una sponsorizzazione legata al Qatar. “Il peggior incidente che abbia mai visto al Bayern, mi vergogno”, ha dichiarato Hoeness in merito all’incontro annuale del club di ieri sera, durato cinque ore. Nei giorni scorsi erano aumentate le tensioni tra i vertici della società e un gruppo di tifosi-soci che chiedono di rinunciare a un contratto di sponsorizzazione con Qatar Airways, per un importo stimato in 20 milioni di euro l’anno. Ritengono che i valori morali del club non possano far accettare denaro da una società appartenente a uno stato accusato di violazioni dei diritti umani. Il contratto, che consente a Qatar Airways di esporre il proprio logo sulla manica delle maglie, è valido fino al 2023. Chi ha protestato con urla e fischi si batte per non rinnovarlo, basandosi su rapporti di ong secondo cui il Qatar sfrutta i lavoratori migranti, accuse fortemente respinte dall’emirato.    Ieri sera circa 800 membri dell’assemblea generale hanno attaccato il presidente del club Herbert Hainer, gridando “Hainer fuori!”. Prima dell’incontro, la dirigenza del club aveva fatto bloccare dai tribunali una mozione che i manifestanti volevano mettere ai voti. Secondo i dirigenti del club è più facile influenzare la politica di uno stato attraverso la cooperazione.    “Rimango fermamente convinto che il dialogo sia il modo migliore per unire le persone”, ha detto Hainer all’assemblea.    Ha anche affermato che il club deve ancora prendere una decisione sull’estensione del contratto. Qatar Airways è uno sponsor di secondo rango del club, dopo i quattro soci titolari di azioni che sono Allianz, Audi, Adidas e Telekom.    Il denaro delle sponsorizzazioni è sempre più importante in quanto il Covid ha prosciugato le finanze delle società calcistiche. Nell’anno fiscale 2020-2021, il fatturato del colosso bavarese è sceso di oltre 100 milioni di euro, passando da 750,4 a 643,9 milioni. Anche gli utili al netto delle imposte del gruppo sono crollati, da 52,5 milioni a 1,9 milioni di dollari. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source