Bigon: “Toro che furia, il Milan condizionato dalla Champions”

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 31 OTT – “Juric e i ‘suoi’ calciatori hanno avuto tutta la settimana a disposizione per preparare la partita contro il Milan. Sappiamo come Juric prepari le partite e lo sapeva anche Pioli che avrebbero messo in campo un grande ardore agonistico. Pur sapendo cosa lo aspettava, lui è maestro in questo, Pioli non è riuscito a controbattere la furia del Torino che ha dimostrato di esserci in campo dal primo all’ultimo minuto. Sono partite difficili per chi tre giorni dopo deve affrontare una partita europea importante”. Lo ha detto Albertino Bigon, a Radio Anch’io lo sport, su Radio Rai.    “Se la seconda stella per Milan e Inter rischia di diventare un’ossessione? Auguro loro di arrivarci prima di quanto accadde a me, che arrivai al Milan nel 1971 e aspettai otto anni la conquista della stella – aggiunge Bigon -. Più fortunati furono i ragazzi arrivati dopo di me: De Vecchi, Novellino, Antonelli, Chiodi, lo stesso Franco Baresi”.    “De Ketelaere e Kvaratskhelia sono i volti nuovi della Serie A, i giovani sotto osservazione: il primo non ha ancora confermato quanto di buono aveva messo in mostra prima di arrivare al Milan; il secondo, invece, appena tocca il pallone o fa gol oppure confeziona un assist – sottolinea Bigon -.    Entrambi sono l’immagine della situazione attuale di Milan e Napoli”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source