Binotto e la Ferrari SF1000: “Dobbiamo capire l’origine del problema”

Formula 1 Sport

Sergio Perez con la Racing Point dalla 17esima posizione in griglia di partenza è andato a un passo da artigliare la quarta ai danni della Red Bull di Alexander Albon. Charles Leclerc e Sebastian Vettel, rispettivamente scattati dalla 14esima e dalla decima, si sono eliminati dopo pochi metri e non sapremo mai fin dove si sarebbe spinta in gara nel Gran Premio della Stiria la Ferrari SF1000 dotata di aggiornamenti preparati a Maranello in fretta e furia e portati al Red Bull Ring per il secondo round di un 2020 che si prospetta difficile per la Ferrari.

La F1 che vogliamo

La Scuderia di Maranello dopo la doppietta – di gare – sul Ring austriaco è quinta in classifica costruttori e rischia di faticare a scalare posizioni in questa graduatoria. La Mercedes è su un altro pianeta e anche Red Bull, Racing Point e McLaren hanno dimostrato di avere basi solide e di essere più performanti della Ferrari soprattutto sul giro singolo. Tra una settimana una pista diversa come quella di Budapest offrirà nuovi riscontri e il carico aerodinamico che garantisce la monoposto 2020 realizzata a Maranello aiuterà Charles Leclerc e Sebastian Vettel ad entrare in Q3 con meno fiatone. Intanto i tecnici devono sicuramente analizzare perché il progetto di questa stagione al momento sia così poco competitivo.

Binotto e il mancato confronto con la SF1000 di domenica scorsa

“Bisogna capire l’origine del problema – ha dichiarato il team principal della Ferrari Mattia Binotto ai microfoni di Sky Sport F1 – si può progredire solo se si capisce alla base dove sta il problema. Può essere non solo di una parte della vettura. Può essere anche di metodologia o di concetto. È giusto in questa situazione esser aperti, osservare tutto e analizzare per trovare la soluzione giusta”. Il calendario 2020 non gioca di certo a favore della Ferrari. Con tantissime gare concentrate in pochi mesi non sarà facile trovare la maniera di sviluppare una vettura che al momento ha evidenti lacune.



Go to Source

Commenti l'articolo