BMW iNext, “doppio rene” supertecnologico

Formula 1 Sport

Sembra proprio che al nuovo doppio rene BMW bisognerà abituarsi in fretta. E accettare di vederlo su tutti, ma proprio tutti i futuri modelli della casa dell’elica. Persino sulla elettrica iNext, la cui calandra è stata presentata negli scorsi giorni dalla casa bavarese in un evento ufficiale. Un doppio rene a sviluppo verticale che non assolverà alla funzione di raffreddamento del motore come avviene sui modelli tradizionali, ma che ribadisce ancora una volta, qualora non fosse ancora chiaro, quello che sarà il linguaggio formale delle BMW di domani.

BMW iNext, test estremi nel deserto sudafricano

In realtà, dietro quella forma così controversa si nascondono funzioni completamente nuove. La griglia ospiterà infatti diversi radar, una telecamera e altri sensori per la guida autonoma. Questa supertecnologica calandra è stata progettata e sviluppata nei laboratori del Centro per la tecnologia e le costruzioni leggere di Landshut. Stando a quanto riferito da BMW, qui in futuro nasceranno anche altre tecnologie, come un innovativo sistema di guida elettrica per i prossimi modelli a batteria. “La guida autonoma è una sfida di importanza cruciale per la Germania e noi stiamo cercando di farci trovare pronti – ha detto Andreas Wendt, responsabile degli acquisti e del rapporto con i fornitori BMW -. In questa fase preparatoria, con alle porte un futuro che non può prescindere da un’elettrificazione e una digitalizzazione sempre maggiori, per noi il centro Landshut assume il ruolo di un vero laboratorio d’innovazione”.



Go to Source

Commenti l'articolo