BMW M3 e M4, ecco le foto quasi senza veli

Formula 1 Sport

Spunta una carrellata di nuove foto spia che ritraggono le nuove BMW M3 e M4, attese per il prossimo settembre. La berlina e la coupé ad alte prestazioni della casa dell’elica proseguono a ritmo serrato i test, sia in pista sia sulle strade del Sud Europa. La camuffatura tramite wrapping, rispetto alle immagini viste finora, è più lieve e consente quindi di intuire meglio quali saranno gli stilemi definitivi. Il più chiacchierato resta il grande doppio rene frontale a sviluppo verticale, ai lati del quale, nella parte bassa del paraurti, sono state ricavate due ampie prese d’aria.

Ormai anche i fari si mostrano praticamente senza veli. Per quel che riguarda la M4, è interessante soffermarsi su quelli posteriori, davvero molti simili sia per forma che per firma luminosa a quelli del Concept 4 presentato dalla casa automobilistica bavarese al Salone di Francoforte del 2019. Sempre nella parte posteriore, resta da capire se gli intagli dell’estrattore ricavati per far fuoriuscire la doppia coppia di terminali di scarico rimarranno di forma rettangolare. I cerchi in lega hanno un design di grande impatto e calzano pneumatici Michelin Pilot Sport, anche se non si riesce a capire di che dimensioni. Le foto scattate dai fotografi di Carscoops non includono immagini dell’abitacolo, che comunque dovrebbe rimanere molto simile a quello delle ultime Serie 3 e 4 in allestimento M.

Nuova BMW M3, cresce l’attesa per il debutto

Passando ai motori, BMW ha confermato che la M3 e la M4 monteranno un 6 cilindri di tre litri sovralimentato mediante due turbocompressori. Due i livelli di potenza disponibili: 473 CV per la versione standard, offerta con trazione posteriore e cambio manuale a sei marce, e 503 CV per la Competition, sempre a trazione posteriore ma con cambio automatico Steptronic a 8 rapporti. Più avanti, la M3 e la M4 Competition saranno  disponibili anche  in nella versione M xDrive a quattro ruote motrici.

Nuova BMW M3, cresce l’attesa per il debutto



Go to Source

Commenti l'articolo