Bonucci ‘umiliato dopo più di 500 partite con la Juve’

Pubblicità
Pubblicità

“Sono stato umiliato dopo più di 500 partite con la Juve”. In una intervista a SportMediaset, l’ex capitano della Juve passato all’Union Berlino, Leonardo Bonucci, racconta il difficile addio ai bianconeri, l’estate trascorsa fuori dalla prima squadra, le telefonate di Pirlo, Buffon e Chiellini e quella di Spalletti per la Nazionale: il ritorno in azzurro rimane il suo grande obiettivo. “Ho letto e sentito – afferma Bonucci – cose non vere dette dalla Juventus e dall’allenatore”.    E sulle tempistiche della scelta fatta dalla Juve Bonucci aggiunge: “Non è vero che a ottobre 2022 e a febbraio 2023 mi è stata comunicata la volontà di interrompere il rapporto alla fine della stagione. Ho annusato qualcosa solo leggendolo sui giornali fino a quando il 13 luglio Giuntoli e Manna mi hanno comunicato, venendo a casa mia, che non avrei più fatto parte della rosa della Juventus e che la mia presenza in campo avrebbe ostacolato la crescita della squadra. Questa è stata l’umiliazione che ho subito dopo più di 500 partite in bianconero. Ho apprezzato la solidarietà di tanti giocatori, anche attuali, della Juve e di altre squadre. Tutti mi hanno manifestato la loro vicinanza per il comportamento irrispettoso della società”.   
Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *