Calcio: Atalanta; Marino, Malinovskyi-Miranchuk sono esempio

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – BERGAMO, 28 FEB – “Il post di ieri di Pessina è lo specchio della situazione, Malinovskyi e Miranchuk sono caratterialmente diversi ma si rispettano profondamente. Un ucraino e un russo: l’esempio di come questi due popoli possano vivere insieme e coesistere”.    Così Umberto Marino, direttore generale dell’Atalanta, intervenuto in sala stampa al posto dello squalificato allenatore Gasperini dopo il 4-0 alla Sampdoria: “Il primo è più riservato e il secondo estroverso, però si abbracciano e giocano insieme, anche se stavolta Ruslan non ha potuto esserci per aver accusato un fastidio al polpaccio nel riscaldamento”.    Marino ha anche parlato del tecnico: “Ero in tribuna vicino a lui e credo che abbia sofferto di più rispetto a quando è in panchina”, sorride il dirigente. Infine, sul periodo felice della squadra: “La squadra non è mai mancata, ha sempre rispettato lo spirito di Gasperini attaccando sempre. L’andata con la Roma è da dimenticare, sabato sarà da affrontare come se non fosse successo niente – dice ancora -. Sposo la linea di Allegri: noi giochiamo per non perdere il treno per l’Europa e ce la giocheremo fino alla fine, il campionato sarà ancora ricco di sorprese”. “In Europa League il Bayer Leverkusen è la squadra più forte che avremmo potuto pescare dal sorteggio – conclude -: ha un bello stadio, saranno due gare molto combattute perché è un avversario che gioca a calcio”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source