Calcio donne: Algarve Cup, domani la finale Italia-Svezia

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 22 FEB – Cresce l’attesa per l’atto conclusivo dell’Algarve Cup. Dopo le vittorie con Danimarca e Norvegia, domani le Azzurre sperano di superare con lode anche l’ultimo esame scandinavo, quello più difficile, in cui affronteranno le vice campionesse olimpiche della Svezia, la Nazionale che occupa la seconda posizione del ranking FIFA alle spalle degli Stati Uniti. La finalissima, la seconda consecutiva nel torneo per l’Italia, si disputerà all’Estadio Municipal di Lagos alle 11.05 (ore 12.05 italiane, diretta su Rai Sport).    “Contro una squadra così forte bisognerà fare una partita perfetta, cercando di sbagliare il meno possibile – le parole della ct Milena Bertolini – loro hanno organizzazione e tante calciatrici di qualità. Le ragazze sono molto motivate, dovremo approcciare la gara con concentrazione ma anche con gioia ed entusiasmo, perché raggiungere una finale è sempre motivo di grande orgoglio. Domani servirà l’esperienza ma anche l’entusiasmo e la leggerezza delle giovani”.    “Sarà una gara difficile, da affrontare con la massima attenzione – le parole di Sara Gama rilasciate ai microfoni di Rai Sport – non possiamo permetterci errori, quindi dovremo giocare con la giusta calma per riuscire a gestire al meglio i vari momenti della partita. Siamo contente di essere di nuovo in finale e di aver dimostrato a tutti la nostra forza: il nostro percorso nell’edizione del 2020 non era stato un caso e, dopo la sfida annullata con la Germania, finalmente potremo lottare per conquistare questo trofeo”.    Alla vigilia della partita, nel ritiro di Lagos, le Azzurre hanno ricevuto la visita di Lapo Elkann, che in qualità di presidente della Fondazione LAPS ha voluto ringraziare la FIGC e tutta la Nazionale Femminile per il contributo e il sostegno all’iniziativa di solidarietà – portata avanti nei mesi più difficili della pandemia – per aiutare le famiglie più fragili ad affrontare la crisi socio-economica causata dal COVID-19.    (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source