Calcio: Napoli; Lobotka, scudetto? Tutto può succedere

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – NAPOLI, 22 MAR – “Io e Skriniar siamo riusciti a parlare delle partite del weekend del campionato italiano, scherziamo a vicenda. Per me le avversarie più insidiose sono Inter e Milan ma ci sono ancora 24 punti a disposizione, la situazione è aperta e tutto può succedere”. Questa la situazione del Napoli descritta da Stanislav Lobotka, il centrocampista azzurro intervistato dal sito slovacco Sport Aktuality mentre è con la sua nazionale.    Lobotka ha parlato con il compagno della nazionale che gioca nell’Inter della classifica che vede Milan a 66 punti, Napoli a 63 e Inter, con una gara da recuperare, a 60 e accenna anche alla Juventus: “La Juventus – dice – ha avuto un brutto inizio di stagione. Ora sta cercando di recuperare, ma le squadre che ha davanti sono di grande qualità e possono giocare grandi partite. I prossimi tre incontri dopo la sosta ci faranno capire se potremmo lottare o meno per il titolo. Giocheremo contro Atalanta, Fiorentina e Roma. Tutti e tre questi avversari sono molto forti. Per me, però, le avversarie più difficili restano le due milanesi Inter e Milan. Entrambe le squadre giocano un calcio di corsa e combinazione. Stanno ancora cercando di premere e le considero le più grandi concorrenti nella lotta per il titolo”. Il centrocampista si è preso quest’anno la maglia da titolare a centrocampo e del ruolo in nazionale: “Non faccio – dice – pressioni su me stesso, giocherò con impegno come sempre.    Rispetto alla scorsa stagione gioco molto di più, quindi mi sento a mio agio fisicamente e mentalmente. Posso dire di essere molto ben preparato”. Lobotka torna anche sul ko contro il Barcellona in Europa League: “Il Barcellona – spiega – è diverso da come era qualche anno fa, ma se guardi come gioca ora ha una qualità enorme. Ha giocato benissimo contro di noi in entrambe le partite. Abbiamo fatto quello che potevamo, ma l’attuale Barcellona è molto buono ed era oltre le nostre forze”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source