Calcio: Tudor, rimonta Verona figlia dello spogliatoio

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – VENEZIA, 05 DIC – “Nell’intervallo ci credevo, ho spiegato cosa volevo, poi sono uscito e ho lasciato i giocatori nello spogliatoio. Direi che ne sono venuti fuori bene. Se non siamo avvelenati facciamo fatica con tutti, il Venezia è una squadra difficile, complimenti ai miei ragazzi”. Così Tudor sulla rimonta del Verona in casa del Venezia e sotto di tre gol.    E così per il mister nel secondo tempo “Abbiamo dominato, abbiamo accelerato, loro hanno abbassato il ritmo e poi con il primo gol si è riaperta la partita” Una rimonta storica che non fa montare la testa al Verona: “Bisogna fare 37-38 punti, quello è l’unico obiettivo. Lottiamo per salvarci”.    “Dare una spiegazione onestamente mi è difficile . dice da parte sua Zanetti -, nel primo tempo siamo stati una squadra incredibile, impressionante, poi a fine tempo ho cercato di fare tutto il possibile per anticipare quello che è successo, è ciò che mi amareggia di più”. “Nel calcio succede, un loro ritorno era scontato – rileva il mister lagunare -, forse è la prima volta che ci capita una cosa del genere, dopo il primo gol abbiamo avuto paura, ci siamo impauriti, disuniti, calati di intensità e abbiamo fatto una caterva di errori. Ma se siamo quelli del primo tempo, possiamo salvarci”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source