Cento mln per il nuovo Arechi, ‘lo stadio più moderno d’Italia’

Pubblicità
Pubblicità

Con un investimento di quasi cento milioni di euro (95 milioni), la Regione Campania si prepara a ristrutturare completamente lo stadio Arechi di Salerno. Il progetto di restyling è stato presentato nel pomeriggio dal governatore Vincenzo De Luca: “Avremo uno stadio coperto come in tutte le realtà civili”, ha detto l’ex sindaco di Salerno, spiegando che i lavori andranno avanti “con il triplo turno” e che l’obiettivo è quello di avere pronto “per dicembre 2025 lo stadio più moderno d’Italia”.    “Doteremo la struttura di un impianto fotovoltaico, ci saranno aree hospitality e 18 Sky box. La scelta progettuale, inoltre, è di fare un’unica gradinata, quindi non ci saranno più i due anelli e questo consentirà di migliorare la visibilità.    Sarà uno stadio a livello dello Juventus Stadium che potrà ospitare anche eventi e tornei internazionali” e nei locali sottostanti la Curva Sud “sorgerà il museo della Salernitana”.    La capienza resterà di 35mila spettatori anche se saranno realizzati interventi negli angoli per collegare i quattro settori. Non ci saranno demolizioni, ma verrà integrata la struttura esistente. E’ stato fatto uno studio sulla visibilità in modo che tutti possano avere un’ottima visuale sul campo di gioco, mentre la copertura fornirà energia per lo stadio quando è in uso e per la città quando non è in uso.    L’ingegnere Cristina Landi ha spiegato che “il nuovo stadio sarà moderno, all’avanguardia e inclusivo, quindi privo di barriere architettoniche. Ci sarà anche una lounge con vista sul mare”.    In attesa che i lavori partano (l’anno prossimo) e lo stadio sia pronto, De Luca ipotizza, tra l’altro, che la Salernitana possa giocare nell’altro stadio di Salerno, il Vestuti, “carico di storia ma che cade a pezzi” Questo comporterebbe un ulteriore investimento di 15 milioni da parte della Regione per poterlo provvisoriamente utilizzare, con una capienza di 15.000 spettatori.   
Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *