Champions: Real, basta con il pasticcio Uefa, pensiamo al Psg

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 14 DIC – Il Real Madrid ha deciso di non parlare più del “pasticcio dell’Uefa” (definizione che arriva da fonti del club) e di concentrarsi sulla doppia sfida con il Paris SG , in cui non si sente affatto battuto in partenza.    Anzi, tutt’altro, visto appunto che quello dell’Uefa “è stato un errore, un pasticcio, e non qualcosa che richiami a teorie cospirazioniste dopo le vicende alla Superlega”.Il giornale ‘Mundo Deportivo’ descrive così la situazione in casa delle ‘merengues’ all’indomani del caos del sorteggio degli ottavi di Champions.    E del resto questa è una linea che fin da ieri il club 13 volte campione d’Europa aveva deciso di seguire. Infatti dopo aver fatto filtrare definizioni come “verguefa” e “assurdità”, a un certo punto aveva diffuso una “nota istituzionale” in cui aveva precisato che “per questa storia del sorteggio avremmo potuto andare fino al Tas, ma abbiamo fiducia che ci dimostreremo più forti del Psg e che ci qualificheremo per i quarti”.    Del resto questa è la teoria anche del tecnico madridista Carlo Ancelotti, sotto la cui guida il Real sta dominando la Liga. Dalla ‘Casa Blanca’ filtra anche un altro commento, quello secondo cui, scrive ‘Mundo Deportivo’, a rammaricarsi deve essere il Psg, a cui il primo sorteggio aveva abbinato il Manchester United, ovvero “un rivale certamente più abbordabile del Real”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source