City e Bayern da record, flop del Liverpool

Pubblicità
Pubblicità

E’ l’anno del Manchester City di Guardiola tiranno della Premier, del Bayern collezionista di trofei che guida la Bundesliga mentre il Psg, distratto dalla Champions, è a pari punti per ora col Lille. Tutto in gioco in Liga con l’Atletico pressato da Barca e Real. Conferme e novità nei campionati europei, all’ultima pausa con le nazionali prima dello sprint finale, con le crisi impreviste di Liverpool e Tottenham, le ottime prestazioni di Leicester, Lipsia, Lione.Tra i goleador boom di Haaland e Lewandowski, a segno con continuità Mbappé, Messi e Suarez.In Premier Guardiola studia, rifinisce, inventa e, con una rosa sempre più ricca, torna a dominare approfittando della crisi profonda del Liverpool. Col falso terzino Cancelo e il falso ‘nueve’ Gundogan o De Bruyne disorienta gli avversari, la difesa è blindata con Ruben Dias, gli esterni d’attacco Foden (il nuovo giocatore totale) e Sterling seminano il panico. Il City nasconde il pallone e, con meccanismi perfetti ad alto tasso di qualità, stravince. Una striscia di 21 vittorie consecutive viene interrotta dallo United, che è secondo a -14, ma il titolo è quasi in cassaforte e Guardiola prova a riagguantare la Champions che gli sfugge dai tempi del Barca di Messi. I cugini dello United contendono al sempre gagliardo Leicester di Vardy il secondo posto. Solskjaer ha salvato la panchina dopo il tracollo (1-6 ) col Tottenham e con la leadership e i gol di Bruno Fernandes è tornato competitivo. Favorito per il quarto posto (-20 dal City) il Chelsea che Tuchel ha riassestato dopo il disastro di Lampard: imbattuto in 13 gare, con due gol subiti, ha dato un senso alla campagna acquisti faraonica di Abramovich. Dietro arrancano la delusione Tottenham (Mourinho ha sparato a zero contro l’egoismo di giocatori e procuratori) e il crollo inspiegabile del Liverpool di Klopp capace di perdere sei gare di fila in casa. Altre due squadre possono ambire al quarto posto Champions: il sorprendente West Ham di Moyes e l’Everton di Ancelotti, un po’ alterno ma competitivo. Fuori dai giochi l’Arsenal di Aubameyang e Lacazette, a cui rimane la chance Europa League. Quasi retrocesse Sheffield e West Brom, rischia anche il Fulham.In Bundesliga il Bayern dei sei titoli nel 2020 non è sazio, guidato da Flick e dai 35 gol di Lewandowski (a 5 dal record di Gerd Mueller). Squadra sontuosa, rinforzata da Sanè coi golden boy Davies e MUsiala, si è un po’ distratta, concedendo tre sconfitte, ma ora è in fuga e ha +4 sull’ottimo Lipsia di Nagelsmann, stabile seconda forza della Bundesliga. Wolfsburg e Francoforte sembrano in grado di conquistare i piazzamenti Champions, ma a -4 c’è il Dortmund alterno (nove ko ma ai quarti Champions) ma competitivo grazie al fenomeno Haaland: 20 gol in 14 gare Champions, per un totale siderale in stagione di 33 gol in 31 partite. Insegue il Lekeverkusen mentre è in crisi il Moenchengladbach decimo. Schalke ultimo, indiziati per la retrocessione anche Arminia e Colonia.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source