Dal Pino: “Il Governo non ignori richieste della Lega Calcio”

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 18 OTT – “E’ difficile comprendere come uno Stato non abbia a cuore un settore che, negli ultimi 13 anni, ha versato in contribuzione oltre 14 miliardi. Noi e la Figc abbiamo chiesto provvedimenti a costo zero, atti a sostenere le nostre società che hanno subito 1,2 miliardi di perdite per la pandemia, visto che gli stadi sono rimasti chiusi oltre un anno.    Io spero che a breve si possa rimediare a quella che chiamiamo una dimenticanza, perché altrimenti sono sarebbe accettabile”.    Così Paolo Dal Pino, presidente della Lega calcio di Serie A, a Radio Anch’io lo sport, in onda su RadioRai.    “Altri settori hanno ricevuto dei ristori, noi no – aggiunge -: abbiamo chiesto nel decreto fiscale la possibilità dilazionare la scadenze di sei o nove mesi dei contributi 2021 e non l’abbiamo ottenuta; sono certo che il Parlamento, in sede di conversione del decreto fiscale, comprenderà le nostre ragioni.    La riduzione dei costi passa attraverso il ‘financial fair-play’ a livello europeo, perché la Serie A ha squadre che competono su scala continentale. Purtroppo oggi, quando parliamo di tantissimo elementi delle nostre domeniche – dal calendario i procuratori, all’affluenza negli stadi – dobbiamo confrontarci con la realtà europea. Ci sono moltissime altre cose che impediscono alle nostre società di svilupparsi: una su tutte? Le infrastrutture, fondamentali per i club. In Italia, per costruire uno stadio, ci vogliono 10 anni; in Europa due. Chi investe nel calcio affronta delle difficoltà e poi, se ha ambizioni, su scala europea ha una competizione estremamente complicata”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source