Derubato negozio dell’associazione Jules Bianchi

Formula 1 Sport

Jules Bianchi è morto cinque anni fa, nel 2015, dopo mesi di coma seguiti al tragico incidente del GP di Suzuka del 2014. Per Bianchi, l’ultimo pilota di Formula 1 a morire per un incidente occorso in un Gran Premio, i genitori hanno creato un’associazione benefica di raccolta fondi (intitolata proprio al figlio) che nel corso degli anni ha aperto anche negozi in Francia. Uno di questi, a Brignoles (comune nel dipartimento del Varo e nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra), è stato svaligiato nella notte tra giovedì 23 e venerdì 24 luglio. Lo ha comunicato la mamma dello sfortunato pilota, Christine, con un post su Facebook.

Bonjour à tous, Nous tenions à vous informer que la boutique de l’association Jules Bianchi à Brignoles à été…
Posted by Christine Bianchi on Friday, July 24, 2020

“Buongiorno a tutti. Vogliamo informarvi che il negozio dell’Associazione Jules Bianchi a Brignoles è stato derubato ieri sera. Pensiamo che i ladri vogliano vendere gli oggetti rubati (capi di abbigliamento per uomini e donne di tutte le età). Condividete questo messaggio il più possibile“. Questo l’appello lanciato da Christine Bianchi dal proprio profilo social: un appello urgente soprattutto considerando che la merce venduta contribuisce a finanziare le attività dell’operazione, che aiuta molti enti, tra cui l’ospedale di Nizza. Il luogo dove Bianchi perse la vita dopo una lunghissima battaglia.



Go to Source

Commenti l'articolo