Fase 2, traffico e incidenti stradali in aumento

Formula 1 Sport

[Rassegna stampa] Con l’inizio della Fase 2 meno di due settimane fa, l’Italia è tornata a circolare sulle strade. I dati forniti da Google e Apple parlano di traffico aumentato in relazione ai mesi scorsi, con le città di Roma e Milano a far da traino. Aumentano quindi le auto in circolazione, e di conseguenza aumentano i sinistri stradali, seppur nettamente al di sotto rispetto ai numeri dello scorso anno.

Torino, Fase 2: traffico al +44% e bici triplicate

I segnali Gps di un campione di automobili, che dal 2017 viene usato da Roma Servizi per la Mobilità per le indagini sul traffico, non lasciano dubbi: la Capitale si è rimessa in moto. E con lei l’intero Paese, come confermano anche i dati di Google e Apple. Dal 4 maggio in poi, dice appunto Roma Servizi per la Mobilità, che si basa su uno studio dei tre atenei Sapienza, Tor Vergata e Roma Tre, si è mosso il 116% degli automobilisti in più rispetto alla Fase 1; e con loro anche il 44% in più degli autisti di mezzi pesanti. Si aggiungono i dati sugli incidenti stradali rilevati dalla polizia municipale. A Milano, invece, tra il 4 e il 7 maggio è stato registrato un aumento del traffico veicolare del 48%. In particolare il volume di traffico è diminuito del 40% rispetto al 2019 ma è aumentato del 44% a confronto con prima del lockdown. Tornando nella Capitale, sempre sugli incidenti stradali, il confronto 2019-2020 di marzo e aprile registra 19 morti contro 4, in circa 1.600 incidenti complessivi contro gli oltre cinquemila di un anno fa (320 feriti circa contro 2mila). La circolazione post-lockdown comunque è sempre inferiore a quella precedente alle chiusure per il coronavirus: al 4 maggio, -44% rispetto a febbraio. […]
Rinaldo Frignani e Martina Pennisi, Il Corriere della Sera

Go to Source