Ferrari, Binotto: “Il cronometro non mente mai”

Formula 1 Sport

La pioggia poteva essere un’alleata della Ferrari, ma non lo è stata. La SF-1000 anche sul bagnato in qualifica si è rivelata una vettura nervosa nelle pur sapienti mani di Charles Leclerc e Sebastian Vettel. Il monegasco ha privilegiato l’assetto per la gara e scatterà 14esimo per effetto dell’esclusione al termine del Q2 con l’undicesimo crono proprio alle spalle di Sebastian Vettel, una delusione a cui si è aggiunta la penalità di tre posizioni sulla Griglia di partenza per aver ostacolato Daniil Kvyat nel corso delle Qualifiche. Decima e 14esima posizione di partenza dunque per il piloti Ferrari, che dovranno cercare la rimonta con una SF-1000 spuntata.

GP Stiria 2020 | Tre posizioni di penalità per Charles Leclerc

Mattia Binotto, team principal del Cavallino, non ha nascosto la delusione: “Una giornata davvero deludente. Dobbiamo accettare il verdetto del cronometro che non mente mai. In due qualifiche sulla stessa pista, pur in condizioni diverse non siamo mai stati competitivi, non soltanto contro quelli che negli ultimi anni erano stati i nostri avversari diretti ma nemmeno con altri che, fino a ieri, ci erano costantemente alle spalle. Abbiamo fatto tanti sforzi per anticipare una serie di aggiornamenti alla vettura ma in pista i risultati non si sono visti. Dobbiamo capire perché e lavorare per cambiare uno stato di cose che non è all’altezza di una squadra che porta il nome Ferrari. Niente reazioni emotive ma non possiamo nasconderci la realtà”.



Go to Source

Commenti l'articolo