Ferrari, Elkann: “Binotto ha le competenze per aprire ciclo vincente”

Formula 1 Sport

[Rassegna stampa] – Lavorare sul collettivo per seguire l’esempio della Juventus, altro fiore all’occhiello di famiglia. John Elkann guarda dunque a al ciclo vincente aperto da Andrea Agnelli, che alla guida della società di calcio ha da poco festeggiato il nono scudetto consecutivo. La Ferrari, invece, non festeggia un titolo dal 2008 – quello Costruttori, 2007 l’ultimo Mondiale Piloti vinto con Kimi Raikkonen – e la sensazione è che la prossima chance non arrivi prima del 2022. Di seguito alcuni estratti dell’intervista rilasciata dal Presidente della Ferrari John Elkann a La Gazzetta dello Sport. Il numero uno della Rossa ha sottolineato che a Maranello l’atmosfera è unita come non mai.

Ferrari: addio alla struttura orizzontale

Fiducia in Mattia Binotto“Mattia ha preso in mano la Scuderia da un anno, ha tutte le competenze e le caratteristiche per iniziare un nuovo ciclo vincente. Era in Ferrari con Todt e Schumi, sa come si vince”.
Vettel e il mancato rinnovo“Difficile chiedere pazienza a chi ha già vinto rispetto a chi ha il futuro davanti a sé. Noi stiamo mettendo le fondamenta per costruire qualcosa di importante e duraturo e lo dimostra il contratto che abbiamo firmato con Charles, cinque anni, mai così lungo nella storia della Ferrari. Leclerc e Sainz prenderanno casa a Maranello, staranno vicino agli ingegneri, la nuova macchina nascerà con loro”.
Il budget cap, una sfida da vincere“Abbiamo dato l’ok alle nuove regole che partiranno dal 2022 perché riteniamo giusto che ci sia maggiore competitività all’interno della F1 e non vediamo la limitazione del budget cap come un vincolo alla nostra capacità di vincere, la prendiamo come una sfida da vincere. Non ho mai visto negli ultimi dieci anni uno spirito così forte e coeso in Ferrari”.
Il ricordo di Marchionne“Sergio è stato per me un grandissimo amico. Abbiamo affrontato periodi pieni di vento, ma anche di burrasche e tempeste, era un timoniere solido e coraggioso”.



Go to Source

Commenti l'articolo