Ford studia un nuovo sistema anticollisione

Formula 1 Sport

Ford ha annunciato una collaborazione a livello tecnologico con l’unità di guida autonoma di Intel, Mobileye, per sviluppare un nuovo sistema di prevenzione delle collisioni per i suoi veicoli. Il sistema si baserà su un nuovo intreccio hardware-software basato su telecamere, rilevamento di veicoli e pedoni e funzionalità relative al mantenimento della corsia. I collaudi dovrebbero essere effettuati su una serie di veicoli specifici, tra i quali ci sono il vendutissimo F-150 (negli Stati Uniti) e la Mustang Mach-E.

Mobileye fornirà la sua tecnologia di rilevamento EyeQ, abbinata a un software specifico per supportare il collaudato sistema Ford Co-Pilot360, con l’idea di studiare in parallelo altre funzioni avanzate relative alla guida autonoma di livello 1 e 2. Ford includerà il logo di Mobileye nei display delle auto e sta anche valutando di utilizzare il suo sistema di mappe Roadbook, che utilizza dati anonimi provenienti da altri veicoli. Ford Co-Pilot360 si occupa già di diverse funzioni come il già citato mantenimento di corsia, i fari abbaglianti automatici, la frenata automatica d’emergenza e il controllo adattivo della velocità. Sarebbe dunque un miglioramento dell’esistente.

Ford Bronco, un ritorno in grande stile

“Offrire alle persone maggiore sicurezza durante la guida è inestimabile, ed è esattamente ciò che le nostre funzionalità Ford Co-Pilot360 già disponibili sono progettate per fare. Personalizzando l’eccellente software e la tecnologia di rilevamento di Mobileye, le funzioni di assistenza alla guida di Ford continueranno a evolversi“, ha affermato Lisa Drake, Chief Operating Officer per l’America del Nord e vice presidente acquisti globali di Ford Motor Company.
Come parte dell’accordo i nuovi veicoli utilizzeranno i chip e il software EyeQ di Mobileye per supportare le funzionalità della tecnologia Ford Co-Pilot360. Utilizzata per aiutare a identificare con precisione ciò che la telecamera di un veicolo può vedere, inclusi segnaletica orizzontale, segnali stradali, pedoni e altri veicoli, la tecnologia di Mobileye sarà basata sulle generazioni EyeQ3 e EyeQ4. La famiglia EyeQ si distingue per la sua capacità di supportare elaborazioni visive complesse, pur mantenendo un basso consumo energetico. Nel moderno mercato automotive, un software per la sicurezza del veicolo non solo deve essere affidabile e dal costo abbordabile, ma non deve neppure gravare sulla stabilità elettrica, in particolare in termini di temperatura d’esercizio e di utilizzo della batteria.



Go to Source

Commenti l'articolo