Gli inglesi e le auto, un amore incondizionato

Formula 1 Sport

Le auto rappresentano una delle passioni più grandi per gli inglesi. In certi casi, però, il legame che c’è tra gli automobilisti britannici e il loro veicolo raggiunge livelli eccessivi. Lo sottolinea CarScoops, che citando una ricerca condotta da Skoda UK per il mercato britannico svela come il 10% degli automobilisti abbia ammesso di preoccuparsi di più della propria auto piuttosto che del proprio partner. Insomma, una vera e propria scelta di vita che sovrasta tutto e tutti.

Le vendite ripartono ma serve un sostegno

Il 14% degli interpellati (in tutto sono 2.000), invece, ha affermato che i sentimenti per la propria auto superano quelli per la propria famiglia e per i propri amici. Come dire, prima viene la mia auto e poi tutto il resto. Lo si evince anche dal fatto che una grande parte degli automobilisti intervistati per la stessa ricerca ha ammesso di aver dato un nome alla propria auto: il 32% ha confessato di averne assegnato uno ad almeno una vettura nella propria vita, mentre un quarto di questi ha ammesso di averlo fatto con tre o più auto. Interessanti le motivazioni che gli interpellati hanno fornito riguardo a ciò: nel 29% dei casi il nome è stato assegnato semplicemente perchè faceva ridere, mentre nel 20% dei casi perchè l’auto assomigliava a quel nome lì: pura fantasia, insomma.

Le auto perse con il Coronavirus

Il 10%, inoltre, ha ammesso di aver dato un nome all’auto perchè le ricordava una persona speciale, e l’8% ha confermato di averla chiamata con il nome di una persona cara o un familiare. Da Betty a Freddie, passando per Daisy e Rosie, sono tanti i nomi che circolano e tutti molto comuni. Ma nella lista c’ è posto anche per le persone famose: c’è chi ha chiamato la propria auto Elvis Presley, chi Harrison Ford e chi Beyoncé.

Go to Source