Hakkinen difende Vettel: “In Ferrari schiacciato da critiche e pressioni”

Formula 1 Sport

Il matrimonio sportivo tra la Ferrari e Sebastian Vettel è giunto come noto al termine e – salvo improbabili miracoli in questa strana stagione 2020 che si profila all’orizzonte – l’obiettivo del tedesco di riportare un titolo mondiale a Maranello non è stato raggiunto. Vettel è arrivato per due volte secondo in campionato, nel 2017 e nel 2018, ma paradossalmente proprio in quelle due stagioni ha ricevuto molte critiche da tifosi ed addetti ai lavori, che hanno imputato prevalentemente a suoi errori il mancato raggiungimento dell’obiettivo finale. Non tutti però sono convinti che tra il Cavallino ed il quattro volte campione del mondo le colpe siano da attribuire principalmente a quest’ultimo.

Hakkinen avvisa Sainz: “La Ferrari non è la McLaren”

Il due volte iridato Mika Hakkinen, intervenuto come ospite nel podcast ufficiale della Formula 1 F1 Nation, ha infatti preso le difese di Vettel giudicando eccessive le critiche che hanno costellato la sua parabola ferrarista: “La sua età non è il problema. È ancora un ragazzo giovane – ha spiegato il finlandese – sento che ha patito una grande delusione alla Ferrari. Il piacere del lavoro di squadra è scomparso da Vettel. Non si è più goduto i momenti all’interno del team perché penso che sia stato criticato in maniera esagerata per tutto il tempo. Quando fai parte di una scuderia – ha sottolineato l’ex portacolori della McLaren – questo tipo di pressione e di critica deve essere condiviso. Non deve essere solo per una persona“.

Lo strano caso di Vettel e dei social media

Hakkinen tuttavia ha anche ammesso che il carattere particolarmente riservato di Vettel, unico tra i piloti del Circus a non avere un profilo social, potrebbe aver giocato a suo sfavore nelle percezione che di lui ha avuto il pubblico: “Lui è una grande personalità. È un bravo ragazzo. Lo conosco da molti anni e quando si apre riguardo a se stesso, alla sua famiglia, alla sua carriera nelle corse automobilistiche, è davvero un bravo ragazzo – ha commentato – penso che abbia comunicato molto con i fan, ad esempio attraverso le conferenze stampa, ma credo che non sia abbastanza. Non dico cosa deve fare diversamente, ma vorrei che si esprimesse maggiormente al pubblico attraverso i social media, per mostrare chi è. [Loro] vorrebbero ascoltarlo”.

Go to Source

Commenti l'articolo