Hamilton: “Contento per Vettel, ideale per lui”

Formula 1 Sport

La conferenza stampa del GP di Toscana al Mugello è stata inevitabilmente tutta concentrata sul nuovo accordo firmato da Sebastian Vettel per il 2021. Il quattro volte campione del mondo, lasciata la Ferrari, approderà il prossimo anno in Aston Martin, l’attuale Racing Point. Lewis Hamilton, grande rivale di Vettel in questo decennio ma anche legato al tedesco da un ottimo rapporto, rimarcato spesso da entrambi, ha parlato di questa trattativa andata a buon fine, manifestando la sua soddisfazione per la permanenza nel Circus del suo storico avversario: “Onestamente pensavo che fosse la direzione ideale che avrebbe preso –  ha evidenziato Hamilton, che ha voluto salutare anche di persona Vettel – pensavo che sarebbe successo“.

Vettel: “Ho fatto la scelta migliore per me”

L’idea del sei volte campione del mondo, destinato a conquistare quest’anno la sua settima corona iridata, è che Vettel vada ad unirsi alla squadra guidata dal Lawrence Stroll al momento giusto: “Sono stato molto contento di sentirlo, perché quella squadra ha una nuova proprietà, ha già fatto un enorme passo in avanti nelle sue prestazioni e continuerà a crescere” ha detto il pilota di Stevenage. “Forse sono di parte, ma credo che l’esperienza conti molto – ha detto Hamilton ancora riguardo a Vettel – ovviamente ha avuto un periodo difficile alla Ferrari, ma è un quattro volte campione che può guidare la squadra ancora di più in una direzione migliore in termini di sviluppo della vettura. Penso che questo non vada mai dato per scontato, è una grande mossa per la squadra“.

Agente zero zero Vettel

Infine il pilota di casa Mercedes ha voluto spendere qualche parola anche per Sergio Perez, lasciato andare dal management in rosa nonostante un contratto ancora lungo: “Naturalmente mi dispiace per lui – ha aggiunto Hamilton – ma è un grande pilota e sono sicuro che avrà altre opzioni”. Per il talentuoso 30enne messicano si parla, come possibili approdi futuri, di Haas o Alfa Romeo.



Go to Source

Commenti l'articolo