Hamilton: la FIA non aprirà un’investigazione

Formula 1 Sport

Lewis Hamilton ha fatto notizia più per il post-gara al Mugello che per aver vinto il primo Gran Premio disputato sul bellissimo saliscendi toscano. Il campione in carica nel Parco Chiuso e sul podio ha indossato una maglietta con su scritto “Arrestate i poliziotti che hanno ucciso Breanna Taylor” sul lato frontale e la frase “Dite il suo nome” sulle spalle con sulla schiena il ritratto della cittadina americana, uccisa a Louisville il 13 marzo 2020 in seguito ad una sparatoria da tre agenti del dipartimento di polizia locale, che stavano effettuando una perquisizione nella sua abitazione.

Hamilton, investigazione FIA sulla t-shirt

Secondo quanto riportato da Sky Sports UK, la FIA dopo aver esaminato il caso nella giornata di ieri ha deciso di non intraprendere un’investigazione formale nei confronti di Lewis Hamilton, allo stesso tempo, però, verranno stilate delle linee guida in merito al raggio d’azione delle attività pre e post gara per quanto riguarda i piloti, incluso un dress-code legato a ciò che può indossato o meno. In pratica molto difficilmente si potrà ripetere un altro caso come quello vissuto domenica pomeriggio dopo la bandiera a scacchi, anche se Lewis Hamilton attraverso i suoi social ha già deciso di non avere intenzione di fermarsi.

La soap box di Hamilton

Il suo attivismo, però, dovrà rispettare delle regole che verranno chiarificate, perché in base al proprio statuto la FIA deve “astenersi dal manifestare discriminazioni per motivi di razza, colore della pelle, sesso, orientamento sessuale, origine etnica o sociale, lingua, religione, opinioni filosofiche o politiche, situazione familiare o disabilità nel corso della propria attività”. In più, il codice sportivo vieta ai partecipanti di “apporre sulle loro automobili pubblicità di natura politica o religiosa o pregiudizievole per gli interessi della FIA”. Molto probabilmente quest’ultimo punto verrà allargato anche alle tute e all’abbigliamento indossato al di sotto della tuta da gara.



Go to Source

Commenti l'articolo