Hamilton: “Oggi è stato speciale”

Formula 1 Sport

Il numero vincente è ancora il 44, anche sulla ruota di Barcellona. Lewis Hamilton ha conquistato il Gran Premio di Spagna con l’ennesima prova di forza, inflitta soprattutto al compagno di squadra Valtteri Bottas, solo terzo al traguardo, preceduto anche dalla Red Bull di Max Verstappen. Il pilota di Stevenage ha potuto così festeggiare l’88esimo successo di una carriera sempre più leggendaria, che lo porta a -3 dal record di vittorie all-time di Michael Schumacher.

“È assolutamente incredibile. Ero un po’ stordito là fuori, non sapevo nemmeno che fosse l’ultimo giro alla fine, ero come ‘nella zona’ – ha rivelato Hamilton alla fine del Gran Premio – non ricordo l’ultima volta che mi sono sentito così. È stato davvero speciale, una vera sorpresa dopo i nostri recenti problemi alle gomme. Abbiamo sfruttato in questa occasione tutti gli insegnamenti del weekend precedente e questo ci ha permesso di fare bene oggi. Uno sforzo fantastico da parte di tutti i membri del team, sono molto grato per tutto il loro duro lavoro e per aver continuato a spingere, quindi un grande grazie a tutti gli stabilimenti. Ho avuto una partenza perfetta e poi è stata tutta una questione di gestione dei pneumatici. Faceva tanto caldo là fuori ed era molto impegnativo, ma mi sono concentrato solo sulla conservazione dei pneumatici e sul portare la macchina a casa” ha concluso l’inglese.

Decisamente ‘scornato’ invece Valtteri Bottas, che continua a precipitare nella classifica piloti. Ora il suo distacco da Hamilton è di 43 punti, quasi due gare: “Naturalmente, questo è molto deludente, non sono qui per arrivare terzo. La partenza è stata davvero il punto chiave della mia gara, ma non è stata abbastanza buona, così ho perso qualche posizione – ha spiegato il finlandese – dovremo verificare cosa è successo, ma alla fine quelli dietro di me hanno ottenuto un buona scia e sono riusciti a superarmi. Su una pista come questa, dove il sorpasso in gara è così difficile e la posizione in pista è tutto, la gara diventa molto difficile se perdi posizioni. Quindi, credo che con una partenza diversa il risultato finale sarebbe stato molto diverso. Nel primo stint ho dovuto spingere molto per recuperare terreno. Nel secondo stint sono stato praticamente sempre dietro a Max, ma è difficile sorpassare qui, serve una differenza di passo davvero grande. Alla fine abbiamo fatto un pit stop ‘libero’, così ho potuto fare un pit stop per le gomme nuove e ho ottenuto il giro più veloce. Nel complesso, non è stata la gara che speravo, ma a volte è proprio così che vanno le cose. Analizzeremo tutto della gara e passeremo alla prossima”.



Go to Source

Commenti l'articolo