Infantino, “Fifa non ha mai proposto mondiale biennale”

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – DOHA, 31 MAR – “La Fifa non ha mai proposto un Mondiale biennale” ma ne ha solo studiato la “fattibilità”: così il n.1 del calcio mondiale Gianni Infantino, nel suo discorso in apertura dei lavori del Congresso a Doha, facendo un passo indietro di fronte alle numerose opposizioni sollevate da questo controverso progetto e dicendosi ora rivolto all’ottenimento “di un accordo di “compromesso”.    “Voglio essere molto chiaro: la Fifa non ha mai offerto una Coppa del Mondo biennale”, ha detto Infantino dove questo tema non è nemmeno stato messo all’ordine del giorno. “L’ultimo Congresso Fifa (nel 2021, ndr) ha incaricato con un voto l’amministrazione Fifa di studiare la fattibilità di un Mondiale ogni due anni”, ha ricordato. “La Fifa non ha proposto nulla.    Sono giunti alla conclusione che era fattibile e che avrebbe avuto ripercussioni, un impatto. La fase successiva è la consultazione, la discussione, la ricerca di un accordo e dei compromessi”, ha proseguito.    “Ci vuole un dibattito per trovare ciò che è meglio per tutti. I grandi devono diventare più grandi e anche i piccoli devono trarne vantaggio. Quindi grazie a tutti per i vostri contributi”, ha detto ancora Infantino, secondo il quale “una pandemia ci ha ricordato come la salute venga prima di tutto, anche del calcio che è la cosa più importante delle meno importanti. Siamo riusciti a tornare a giocare, ed è stato possibile solo grazie al modo in cui la Fifa è governata oggi”.    “Ora, quando vedevamo la luce alla fine del tunnel e ci avviciniamo a un fantastico mondiale in Qatar, cosa succede? La guerra – ha aggiunto -, con la paura di un conflitto globale. Ci sono guerre terribili in tutto il mondo, viviamo in un mondo aggressivo, diviso. Ma sono una persona che crede nel potere del calcio di unire le persone, di rompere le barriere. Il calcio è lo sport del mondo, ma non siamo così ingenui da credere che possa risolvere tutti i problemi. Guardo all’Ucraina con il cuore pesante: l’ultimo Europeo che ho organizzato, come segretario generale dell’Uefa, era in Polonia e Ucraina. La mia ultima finale è stata a Kiev. E l’ultimo mondiale a cui ho lavorato da presidente Fifa è stato in Russia”. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source