Inter orgoglio Champions, ma Inzaghi teme per infortuni

Pubblicità
Pubblicità

L’Inter esce a testa alta, con l’autostima nuovamente in crescita ma anche malconcia a livello fisico dalla sfida contro il Liverpool ad Anfield. Una vittoria che non è bastata per rimontare lo 0-2 dell’andata a San Siro, ma che può dare nuovo slancio agli uomini di Simone Inzaghi a livello mentale nella corsa scudetto contro Milan e Napoli. “Triste per non esserci qualificati alla fase successiva della Champions. Ma ripartiamo a testa alta, abbiamo vinto questa partita contro un grande rivale, il Liverpool, nel loro stadio e siamo stati alla pari, mostrando chi siamo”, è il messaggio di Arturo Vidal dopo la gara di Anfield. Un messaggio che condivide tutto il mondo nerazzurro, dopo una prestazione di carattere, con il sogno però accarezzato solo nei 60 secondi o poco più che sono passati tra il gol di Lautaro Martinez e l’espulsione di Alexis Sanchez. Troppo pesante il ko al Meazza per poterlo ribaltare a Liverpool, anche perché i Reds di Klopp non sono stati certo a guardare, ma l’Inter può portare via quanto di buono mostrato nei 180′ contro Salah e compagni come importante iniezione di fiducia per il rush finale della stagione.
I nerazzurri però sono rientrati dall’Inghilterra anche con qualche problema non di poco conto, legato alle condizioni di Stefan De Vrij e Marcelo Brozovic, entrambi usciti durante la gara ad Anfield per affaticamento muscolare al polpaccio. Il difensore olandese si è sottoposto oggi agli esami clinici e strumentali, che hanno evidenziato una distrazione muscolare al soleo della gamba sinistra, con condizioni che saranno rivalutate nei prossimi giorni: difficile possa essere a disposizione per la delicata sfida di domenica contro il Torino, l’obiettivo potrebbe essere ritrovarlo per la gara della prossima settimana contro la Fiorentina anche se resta il rischio di poterlo rivedere in campo solo dopo la sosta per le nazionali. Domani invece dovrebbe toccare a Brozovic sottoporsi agli esami, con la speranza che l’aver cercato di rientrare in campo ad Anfield non abbia aggravato il problema. Anche perché l’Inter è in grado di non soffrire eccessivamente l’assenza di De Vrij, al contrario invece di quella del regista croato, troppo importante nello scacchiere tattico di Inzaghi. Il tecnico così attende buone notizie dagli esami, sperando inoltre che la sfida contro il Liverpool non abbia consumato troppe energie fisiche e nervose dei suoi come già successo dopo la gara d’andata, a cui era seguito il brutto ko contro il Sassuolo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source