Kim Min-Jae, non dimenticherò mai i tifosi del Napoli

Pubblicità
Pubblicità

“Fino alla morte non dimenticherò mai i tifosi del Napoli, hanno gridato “Kim Kim Kim” e mi hanno incoraggiato…”. E’ uno dei passaggi contenuti in una intervista rilasciata dal difensore coreano Kim Min-Jae al sito coreano News.naver dopo aver firmato con il Bayern Monaco.    Il centrale parla della sua unica stagione a Napoli conclusa con lo scudetto, a partire dall’amicizia con il resto della squadra e con il tecnico Spalletti: “Grazie ai miei compagni – ha detto – ho ricevuto il premio come miglior difensore. Non è qualcosa che posso ottenere da solo. Volevo spezzare il premio che io, Kvara e Osimhen abbiamo ricevuto e condividerlo con la mia squadra. Spalletti? Lui ha rilasciato un’intervista dicendo a tutti che ‘dobbiamo prendere Kim perché è a livello di Champions League’. Possono esserci chiamate d’amore più di questa? Quando l’ho ascoltato, ho scelto il Napoli”.    Frasi al miele anche per il capitano Di Lorenzo e sul capocannoniere Osimhen: “Ho imparato – ha detto Kim – molto da Di Lorenzo. E’ stato il giocatore che correva più di me, che lavora sodo ogni volta e ha sempre lo stesso atteggiamento. Ho imparato molto guardandolo giocare diligentemente in ogni partita anche se non riusciva a riposare affatto e si allenava con la stessa intensità della partita. Ho imparato da lui anche che non posso mai lamentarmi. Osimhen? Non vorrei mai vederlo nella squadra avversaria. È bravo, riesce ad essere prepotente con i difensori. Anche se il difensore è lontano, lo insegue e lo molesta fino alla fine. Normalmente, accade il contrario…”.      
Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *