La baby Juve batte 2-0 l’Arsenal in amichevole

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – TORINO, 17 DIC – La Juve dei ‘baby’ trionfa in Inghilterra: i bianconeri battono 2-0 l’Arsenal in amichevole.    Ci è voluta anche una buona dose di fortuna, tra l’autogol decisivo di Xhaka, il palo a porta vuota colpito da Nketiah e il raddoppio di Iling-Junior su deviazione di Holding, ma Allegri può dirsi soddisfatto di come ha ritrovato la squadra alla prima uscita dopo la pausa. Il tecnico ha tanti infortunati e non porta nessun reduce dal Mondiale, così la sua Juve è infarcita di giovani: Riccio e Barbieri sono le novità assolute, ma anche Barrenechea e Soulé, oltre a Fagioli e Miretti, sono nati tra il 2001 e il 2003. L’Arsenal chiude ben presto i bianconeri nella loro metà campo, provando più volte la conclusione ma senza impensierire Perin. Il gol arriverebbe poco dopo la mezz’ora con Nketiah, l’arbitro annulla per fuorigioco. Sulla punizione seguente il portiere e Locatelli pasticciano in costruzione e regalano il pallone all’attaccante dei Gunners, che però colpisce il palo con la porta spalancata. Gli inglesi costruiscono e mettono paura, la Juve si salva e passa a sorpresa: Fagioli crossa in mezzo e trova una deviazione vincente, è quella di Xhaka che insacca nella sua rete. I bianconeri vanno avanti nel recupero, nella ripresa i tanti giovani superano l’emozione della grande sfida e giocano molto più sciolti, con la Juve che rischia di meno e crea di più.    Allegri prova anche Nonge Boende, Cerri e Zuelli e ritrova Iling-Junior e Aké dopo i rispettivi infortuni, è proprio l’esterno inglese a segnare il 2-0 in pieno recupero con un’altra deviazione, questa volta di Holding: è una vittoria che dà fiducia e autostima. (ANSA).   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source