La ristrutturazione Ferrari vista dall’estero

Formula 1 Sport

Quando la Ferrari perde, fa comunque notizia. E altrettanto, fa rumore anche ogni tentativo di risalita della corrente. Stavolta c’è di mezzo una notevole riorganizzazione e anche la stampa estera ne riporta i crismi. La crisi di risultati ha imposto a Mattia Binotto una riflessione corale, e anche se non sono ancora rotolate delle teste, c’è tutta l’intenzione di ottenere un cambio di direzione.

Sul quotidiano spagnolo AS si parla della Ferrari come di una scuderia che ha perso il passo ‘nobile’ a causa di una vettura povera di contenuti, plebea all’interno del Circus. “Il regresso è a una tale magnitudo da aver portato la Ferrari al suo peggior inizio di campionato dell’era ibrida. Certamente l’incidente nel GP di Stiria non ha aiutato, in quanto nel 2014 Alonso e Raikkonen ottennero solo sei punti in più. Ma ugualmente c’è preoccupazione per il livello di competitività di aerodinamica e motore, da migliorare urgentemente. L’inizio di stagione ha portato Mattia Binotto a decidere per una riorganizzazione interna, creando una nuova area per lo sviluppo della prestazione e affidandola a Enrico Cardile“.

Ferrari: addio alla struttura orizzontale

Anche in Francia se ne parla. L’Equipe spiega: “dopo un debutto catastrofico, Ferrari ha approfittato del ritorno a Maranello per procedere a una ristrutturazione interna, creando un nuovo dipartimento. Lo sviluppo della performance sarà affidato a Enrico Cardile, mentre Gualtieri (motore) Resta (chassis) e Mekies resteranno al loro posto. Mattia Binotto confida nel personale della scuderia e rinnova la sua fiducia”. Mettendo però le mani avanti sulla tempistica del ritorno alla vittoria.
Minor spazio sui quotidiani in lingua inglese, dove però ricordano l’esperienza di Rory Byrne e David Sanchez, due menti che saranno al servizio di Cardile. Byrne, sudafricano oggi 76enne, è stato fondamentale per i trionfi di Michael Schumacher e per quel decennio di successi che si è chiuso con il biennio 2007-2008. Un periodo nel quale Kimi Raikkonen e Felipe Massa arrivarono a giocarsi il titolo all’ultima gara.



Go to Source

Commenti l'articolo