L’Alfa Romeo annega nella pioggia

Formula 1 Sport

Si è concluso in maniera piuttosto deludente il sabato pomeriggio dell’Alfa Romeo sul tracciato austriaco del Red Bull Ring. Nelle piovose qualifiche del GP Stiria 2020 le due monoposto della scuderia di Hinwil non sono infatti riuscite nemmeno a superare il Q1, fermandosi mestamente in 16esima e 19esima posizione, rispettivamente con Kimi Raikkonen ed Antonio Giovinazzi. L’italiano ha tentato un disperato assalto al Q2 con il suo ultimo giro, ma purtroppo un errore lo ha portato a finire fuori pista, chiudendo con qualche secondo d’anticipo il suo sabato austriaco.

GP Stiria 2020, la griglia di partenza

“La qualifica era iniziata bene – ha spiegato il pilota pugliese una volta sceso dalla monoposto – il passo era molto buono, poi a metà qualifica non andavamo più benissimo. Sul finale abbiamo ritrovato buon passo. Nell’ultimo giro ero un secondo sotto il mio miglior tempo. All’ultima curva ho provato a dare il massimo per entrare nel Q2, altrimenti era sarebbe stato molto difficile, e niente, ho perso il controllo della macchina sul cordolo e poi ho dovuto fermare la vettura prima di tornare ai box. C’era molto aquaplaning, era molto difficile” ha sottolineato Giovinazzi.

Leclerc, Perez e Raikkonen convocati dai commissari

“La macchina non era male, siamo stati in una posizione che andava bene per la maggior parte della sessione, prima di fare il pit stop – ha evidenziato invece Kimi Raikkonen – poi la sosta ci ha preso molto tempo per alcuni problemi al box. Prima di questo avevamo avuto alcuni giri veloci che però avevamo dovuto rallentare a causa del traffico delle altre auto. Anche nell’ultimo giro stavamo migliorando. Non so se sarebbe stato sufficiente per passare il taglio o no ma abbiamo dovuto fermarci per la bandiera rossa. Stavolta è stato più deludente rispetto a sette giorni fa perché sembravano in una posizione migliore” ha concluso il campione del mondo 2007. Raikkonen al momento è anche sotto investigazione per aver tagliato il traguardo in regime di bandiera rossa.



Go to Source

Commenti l'articolo