Lamborghini, la Sián non influenzerà il design del futuro

Formula 1 Sport

Quando al Salone di Francoforte del 2019 Lamborghini svelò la Sián il mondo dell’auto rimase letteralmente a bocca aperta. Costruita in un’esclusiva miniserie di 19 esemplari in versione roadster e 63 in versione coupé, tutti già venduti prima che si accendessero le luci dei reparti di produzione, la supercar che ha debuttato negli scorsi giorni con una fiammante livrea Blu Uranus non pare però destinata a inaugurare un nuovo corso stilistico nell’imminente futuro della casa del toro.

Museo Lamborghini, riapertura con Sian Roadster

A spiegare il perché di quella che di primo acchito parrebbe una scelta inspiegabile, considerata la bellezza delle linee estreme proposte dal centro stile della casa di Sant’Agata Bolognese, è il capo del design, Mitja Borkert: “Prima con la Sián Coupé e ora con la Roadster abbiamo chiuso un cerchio. Crediamo sia un capolavoro, abbiamo dato vita a una gamma di colorazioni esclusive, ma il linguaggio stilistico di quest’auto non è destinato ad avere un seguito. Le macchine che progetteremo in futuro si baseranno sugli stilemi tradizionali del marchio”. Del resto, chiosa il numero uno del centro stile dalla casa del toro, “replicare le forme della Sián sarebbe troppo facile e Lamborghini non pone limiti ai sogni futuri”.
La Sián, insomma, è destinata a rimanere un unicum nel panorama delle supercar di Sant’Agata Bolognese. Una sorta di one-off passata dal foglio bianco alla fabbrica per pochissimi eletti, 82 in totale, che una volta effettuato l’ordine dell’auto potranno recarsi nell’atelier della casa del toro per seguire passo dopo passo, a stretto contatto con stilisti e designer, l’allestimento della propria vettura. Assodato, dunque, che l’erede dell’Aventador, attesa per il prossimo anno, non parlerà la stessa lingua della Sián, se non sotto il cofano. La nuova Lamborghini avrà infatti un motore ibrido che però, assicura Maurizio Reggiani, capo del dipartimento di ricerca e sviluppo della casa bolognese, “resterà un V12 e non cederà alla tentazione del turbo”.



Go to Source

Commenti l'articolo